Cerca

Rifiuta la Coppa Minchia

Rissa con le Iene, Marquez denuncia. Lo spagnolo: "Mi hanno ferito": è giallo

Rissa con le Iene, Marquez denuncia. Lo spagnolo:

È partito il ribaltone della stampa spagnola in difesa del pilota catalano Marc Marquez e famiglia, passati da aggressori ad aggrediti nello scontro avuto ieri con la troupe delle Iene fuori da casa sua. Secondo il sito del quotidiano Marca, il pilota sarebbe rimasto ferito al collo, colpito da una delle due Iene, Stefano Corti e Alessandro Onnis che, dopo lo scontro in pista a Sepang con Valentino Rossi, volevano premiare il pilota della Honda con la "Coppa Minchia", ideata appositamente per lui.

La difesa - Racconta Marca che il pilota della Honda stesse rientrando a casa dopo aver passato un po' di tempo in moto sulla dirt track con il fratello e il padre. Arrivati nel parcheggio, si sarebbero avvicinati i due inviati chiedendo un'intervista. Marquez si è rifiutato, mentre Corti e Onnis simulavano i festeggiamenti della vittoria di una gara spaccando un paio di bottiglie di champagne contro il muro e il pavimento. A quel punto, aggiunge il sito catalano, il padre di Marquez sarebbe uscito con rabbia dal furgone, mentre i due inviati agitavano la "Coppa Minchia", l'enorme trofeo a forma di pene che la trasmissione di Mediaset aveva pensato di regalare a Marquez. La famiglia di Marquez avrebbe chiamato la polizia che, arrivata sul posto, ha sequestrato le memorie delle telecamere delle Iene. Secondo Marca, il pilota spagnolo ha anche denunciato i due inviati con l'operatore alla Polizia.

La versione delle Iene - Il racconto del quotidiano spagnolo rimane abbastanza lacunoso, considerando i passaggi del tutto assenti che potrebbero spiegare, ad esempio, per quale motivo le telecamere dei due inviati siano state distrutte e per quale motivo i due siano dovuti andare anche in ospedale per farsi medicare. Le Iene aggiungono qualche dettaglio in più sulla vicenda, chiarendo che il padre e il fratello del pilota si sono avvicinati furiosi contro la troupe, rompendo l'attrezzatura dalla quale hanno estratto le memorie con i filmati e hanno aggredito i tre inviati delle Iene: "Probabilmente - scrivono su Facebook - volevano una coppa più grande".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • toroinfuriato

    31 Ottobre 2015 - 17:05

    I precedenti in pista del pilota spagnolo, sono adeguata testimonianza della testa calda, ma vuota. Non vedo l'ora che arrivi il giorno del GP di Valencia. Spero solo che i piloti abbiano un filo di onore ed orgoglio e la facciano pagare a quella 1/2 saga di pilota spagnolo.

    Report

    Rispondi

  • doberman

    31 Ottobre 2015 - 14:02

    Buttalo giù - annone buttalo giù - buttalo giùù - annone buttalo giùù , comunque questo stronzetto nelle ultime gare ha fatto del tutto per rallentare V. un giorno potrebbe capitare anche a lui......

    Report

    Rispondi

    • rintintin

      31 Ottobre 2015 - 16:04

      i soliti italiani mafiosi....ma vergognati anche solo a pensarlo

      Report

      Rispondi

      • toroinfuriato

        31 Ottobre 2015 - 18:06

        i soli spagnoli che in qualunque posto siano stati hanno messo a ferro e fuoco, trucidato e cancellato intere popolazioni. Vergognati tu spero solo che Rasty di dia qualche bel calcio nelle costole

        Report

        Rispondi

blog