Cerca

Una fonte (molto) autorevole

MotoGp, Troy Bayliss durissimo: "Mafia spagnola"

Troy Bayliss

Italiani rosiconi? Il Belpaese che non sa accettare la sconfitta e parla di "biscottone"? Tutti ciecamente tifosi di Valentino Rossi e incapaci di ammettere che Jorge Lorenzo ha vinto il motomondiale con merito? No, non proprio. E non solo perché a parte i "pasdaran" del fronte spagnolo, tutti - ma proprio tutti - hanno visto cosa è successo (ancora) in pista a Valencia, con Marq Marquez che ha marchiato a fuoco la sua carriera facendo da scudiero a Lorenzo (ancora). Gli italiani non sono rosiconi. No, niente affatto. Il punto è che chi ama le moto - anzi, chi ama lo sport, tutto - non può accettare ciò che è successo in pista nelle ultime tra gare, con un pilota - Marquez - fuori dai giochi che ha corso solo ed esclusivamente per far perdere un altro pilota (riuscendoci, per altro. Con la complicità delle autorità maxime della MotoGp che hanno penalizzato il Dottore, costretto a partire ultimo a Valencia).

E se chi ama le moto non può accettare la porcheria iberica, va da sé che un pilota come Troy Bayliss dica la sua. Senza peli sulla lingua. Tranchant. Anzi, durissimo. Per chi non lo sapesse, Bayliss è un pilota australiano che ha le carte in tavola per essere definito una mezza leggenda: tre volte campione del mondo in Superbike (2001, 2006 e 2008) ed emblema della Ducati. Certo, in MotoGp ha avuto meno fortuna. Ma Bayliss non è una fonte autorevole, è molto di più (oltre ad essere super-partes, dato che non risulta affatto essere un "rosicone italiano").

Ma cosa ha detto, Bayliss? Semplice: ha parlato di "mafia" spagnola. Già, proprio quell'etichetta mafiosa che tanto dà fastidio a noi italiani che, per contrappasso, viene applicata a Marquez, Lorenzo & Co. Il commento del pilota è piovuto su Twitter. Un'allusione che la dice lunga, lunghissima: "Anything worth watching on tele today? Maybe the #Godfather, part 18 #Mafia". Traduzione: "C'è qualcosa che vale la pena di guardare oggi in tv? Forse Il Padrino, parte 18". Ogni riferimento non è puramente casuale. Se avete dei dubbi, basta leggere il "parte 18": quella di Valencia, infatti, era la diciottesima e ultima gara della stagione. Il cinguettio, inoltre - se ancora vi servono indizi - è stato postato dopo la conclusione della vergognosa disputa valenciana.

Di seguito, il tweet di Troy Bayliss (che ha riscosso un enorme successo in termini di retweet e "mi piace").

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gavigneri

    10 Novembre 2015 - 12:12

    TRISTANO leggi altri articoli, togliti dalle balle e hai risolto il problema...

    Report

    Rispondi

  • Janses68

    10 Novembre 2015 - 10:10

    Secondo me c'era un giro di scommesse a cui troppi hanno partecipato e hanno fatto in modo di far perdere Valentino per intascare una vagonata di soldi .... visto che avrebbe vinto e la scommessa contro valeva molto di piu', Mafia si' , ma quella delle scommesse illegali !!!

    Report

    Rispondi

  • Matt1978

    10 Novembre 2015 - 10:10

    Chi non piace i commenti su rossi può guardare anche supertennis

    Report

    Rispondi

  • Antoniodefrancisci51

    09 Novembre 2015 - 23:11

    Bravo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog