Cerca

L'indiscrezione

Milan, Silvio Berlusconi e la telefonata a Francesco Guidolin: pronto a sostituire Sinisa Mihajlovic

Francesco Guidolin

Nonostante gli ultimi risultati positivi (3 vittorie e due pareggi nelle ultime 5 partite), Silvio Berlusconi non si accontenta e vuole di più per il suo Milan. Il club rossonero, a 7 punti dalla vetta, vorrebbe sognare in grande. O meglio, il presidente (letteralmente infuriato dopo il pari con l'Atalanta) vorrebbe veder giocare meglio la sua creatura. Ed in questo contesto iniziano a circolare alcune indiscrezioni, rilanciate dalla tv TeleLombardia. Secondo l'emittente locale, già dopo la prestazione deludente dei rossoneri nel Trofeo Berlusconi (ko con l'Inter per 1-0 in una delle partite a cui il presidente tiene di più), la dirigenza avrebbe contattato Francesco Guidolin. Il tecnico veneto, ex Udinese e Parma, si sarebbe reso subito disponibile, ma per il momento l'avvicendamento sulla panchina del Milan sarebbe stato rimandato poiché il Cav ha un ulteriore dubbio: Mario Tassotti. Se insomma Silvio davvero decidesse di esonerare Mihajlovic, potrebbe anche optare per il "Tasso", a cui affiancare Christian Brocchi, attuale mister della primavera. La situazione, di sicuro, resta tesa. Il futuro prossimo di Mihajlovic sulla panchina rossonera, nonostante i recenti "segnali di vita" della squadra, è tutt'altro che assicurato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • grazialofo

    11 Novembre 2015 - 15:03

    Sinisa non mi è stato mai simpatico, anzi mi era antipatico, ma oggi posso dire che è un allenatore che ha le palle e non guarda nessuno in faccia e non guarda l'età. Infatti ha avuto il coraggio di fare giocare il portierino e Calabria, altri non lo avrebbero fatto. Ha le palle perchè non si fa condizionare da Galliani o Berlusconi. Lui, con questo Milan, non ha colpe, ma la colpa è di Galliani

    Report

    Rispondi

  • m.casorati

    11 Novembre 2015 - 10:10

    Questo è un delirio, non so perché Libero ce l'abbia a morte con Mihailovic, ma se un pareggio, dopo tre vittorie consecutive è motivo di licenziamento, allora posso fare anch'io il manager nel mondo del pallone.

    Report

    Rispondi

blog