Cerca

Il big match

Il gol di Dybala affonda il Milan (e Mihajlovic?): la Juve vince e torna in corsa per lo scudetto

Il gol di Dybala affonda il Milan (e Mihajlovic?): la Juve vince e torna in corsa per lo scudetto

Era la partita del dentro o fuori. Dentro o fuori dalla lotta scudetto e dalla corsa-Champions. E la partita la vince la Juventus di Massimiliano Allegri: allo Stadium di Torino i bianconeri passano per 1-0, decide un gran gol di Dybala. Piegato un Milan non brutto, ma inefficace: appena la Juve ha accelerato si è andata a prendere la partita. E ora, se Massimiliano Allegri gode e inizia a credere a una rimonta certo non semplice, Sinisa Mihajlovic sembra sul punto di capitolare: domani potrebbe trovarsi a 10 punti dalla vetta, e magari lontano dalla panchina rossonera. Si parlava, per Mihajlovic, di partita da match da ultima spiaggia. Match perso: possibile, dunque, che a causa dei malumori di presidenza e dirigenza (che da tempo mugugnano) la sua avventura in rossonero possa anche concludersi. Il verdetto nelle prossime ore. In classifica, la Juve si porta a 21 punti e scavalca il Milan, inchiodato a quota 20.

Samba Donnarumma - Nel primo tempo le squadre partono compassate: il ritmo è basso e basso resta per tutta la prima frazione di gioco. La prima occasione netta è per il Milan: Bonaventura smarca Cerci con un cross, ma l'ala, a tu per tu con Buffon, colpisce di testa appoggiando inspiegabilmente a centro area, vuota. Avrebbe potuto colpire (quasi) a botta sicura, ma tant'è. Poi è la Juve ad impensierire Donnarumma: punizione di Hernanes deviata di testa da Bonaventura, ma il baby-portiere rossonero si fa trovare pronto e con una bella parata devia in angolo. Donnarumma, inoltre, nel primo tempo si è messo in evidenza per un paio di dribbling: ottimo con i piedi, anche se forse rischia un po' troppo (sarà l'incoscienza dei suoi 16 anni...). Finiscono così i primi 45 minuti di gioco, avari in termini di emozioni e bel gioco.

Passa la Juve... - Nella ripresa il Milan inizia bene: dieci minuti di buon gioco, pur senza occasioni. Poi, però, sale in cattedra la Juve: al 61esimo staffilata di Pogba dalla lunga distanza, Donnarumma non perfetto, ma si oppone in modo efficace deviando in angolo. Passano pochi minuti, ed ecco il vantaggio bianconero: Alex Sandro accelera sulla sinistra, cross per Dybala che controlla di petto e infila in rete con un gran gol. Al 67esimo altra occasione per i ragazzi di Allegri: ancora Dybala, che tira rasoterra da lontano, ma Donnarumma para. Quindi il Milan prova a rispondere: Cerci vola sulla destra, crossa e Kucka sfiora la traversa con una girata. Provano a salire, i rossoneri, senza però riuscire ad arrivare ad impegnare Gianluigi Buffon. Dybala esce tra gli applausi ed entra Morata, mentre nel Milan un impalpabile Nyang, a cinque dalla fine, lascia il posto a Honda. Ma è la Juve ad avere un'altra enorme occasione, sprecata malamente da Mandzukic, che sparacchia fuori a pochi metri dalla riga di porta. Dunque, all'ultimo secondo, il tiro da fuori di Luiz Adriano (entrato al posto di Kucka) che impegna Buffon. Per inciso, quello di Luiz Adriano è stato il primo e unico tiro dei rossoneri nella ripresa. Troppo poco. Triplice fischio. La Juve torna in corsa per lo scudetto. Il Milan, invece, pare vicino ad affondare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog