Cerca

Cambio al vertice

Finisce l'era Petrucci, Giovanni Malagò è il nuovo presidente del Coni

"Fiducia, protagonismo e coraggio". Queste le parole d'ordine per il numero uno dello sport italiano. Battuto con onore lo sfidante Raffaele Pagnozzi

Finisce l'era Petrucci, Giovanni Malagò è il nuovo presidente del Coni

Finisce l'era di Giovanni Petrucci. Il nuovo presidente del Coni è Giovanni Malagò. Romano presidente del circolo Aniene, è stato eletto con 40 voti. "Fiducia, protagonismo e coraggio. Voglio dire all'unico indeciso che può essere rimasto, che in certi momenti della vita serve dimostrare coraggio", queste le prime parole tra le lacrime del numero uno dello sportv italiano. "Nello sport è difficile vincere, ma anche non vincere. Un abbraccio a Pagnozzi: considero questa carica la più importante nel nostro Paese, farò di tutto per onorarla", ha aggiunto Malagò rivolgendosi allo sfidante Raffaele Pagnozzi, che per conto suo ha fatto gli auguri al nuovo presidente: "Ringrazio i membri del Consiglio Nazionale, chi mi ha ribadito la fiducia nell'urna, e faccio un grande in bocca al lupo a Malagò. Lo sport italiano sarà in grado di mantenere il trend che lo ha portato ai vertici del mondo".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    20 Febbraio 2013 - 11:11

    Non è il responsabile dei disastri romani dei mondiali di nuoto?Che cricca!

    Report

    Rispondi

  • bonavia

    19 Febbraio 2013 - 13:01

    Il coraggio si misura nel numero di peli che si possiede sullo stomaco. Chi vorrà stanare Malagò, alle prossime elezioni dovrà essersi fatto incriminare almeno un paio di volte e contemporaneamente riuscire a farsi assolvere altrettante volte dai giudici. Mettetevi al lavoro!

    Report

    Rispondi

  • bonavia

    19 Febbraio 2013 - 13:01

    Il coraggio si misura nel numero di peli che si possiede sullo stomaco. Chi vorrà stanare Malagò, alle prossime elezioni dovrà essersi fatto incriminare almeno un paio di volte e contemporaneamente riuscire a farsi assolvere altrettante volte dai giudici. Mettetevi al lavoro!

    Report

    Rispondi

blog