Cerca

Mitragliata del patron

"Ferrari illegale, rovina la Formula 1". Follia Ecclestone: lo sputo all'Italia

Bernie Ecclestone contro tutti. Ferrari e Mercedes?

Bernie Ecclestone senza freni. L'imprenditore britannico, patron del circus di Formula 1, attacca il campionato automobilistico più famoso al mondo con parole durissime. De facto, attacca se stesso. "Questa è la Formula 1 peggiore di sempre, non spenderei mai i miei soldi per portare la mia famiglia a vedere una gara". Così in un'intervista rilasciata al Daily Mail. Nel mirino di Bernie la "smania" di guadagnare delle scuderie: "Io penso di essere un'eccezione in F1, non ho bisogno del lavoro, né di soldi. La maggior parte dei partecipanti pensa solo a quello che è bene per loro nel breve periodo e il lungo termine per la maggior parte di queste persone sono due o tre gare. Il risultato è che la F1 è peggio di come sia mai stata".

I top team - Nessuna programmazione da parte di manegment e team che sta uccidendo uno spettacolo che ancora oggi attira milioni di spettatori in tutto il mondo, con forte tendenza espansionistica nei nuovi mercati in Medio Oriente. Senza scuse, secondo Ecclestone, in particolare Ferrari e Mercedes, le case che stanno monopolizzando la competizione: "È un genere di cose comunemente noto come un cartello. E i cartelli sono illegali. È quindi in corso qualcosa di illegale e anti-competitivo. Servono, poi, gare più competitive: sappiamo che molto probabilmente la macchina che partirà in pole sarà quella di Lewis Hamilton, e probabilmente farà sua anche la gara salendo sul podio insieme ad un'altra Mercedes".

Dirigenza Fia - Nel mirino anche Jean Todt, ex direttore generale di Scuderia Ferrari e attualmente presidente della Fia, la Federazione Internazionale dell'Automobile: "Purtroppo Jean è diventato un diplomatico. Vuole che tutti siano felici: è un bel modo di pensare per un presidente, ma non si possono rendere tutti felici. Jean sta facendo un ottimo lavoro per la sicurezza stradale, viaggia nel mondo, incontra persone, ma non sembra voglia fare nulla che possa destabilizzare ciò che vuole fare in sede Onu. Forse dovrebbe lasciare la responsabilità per la Formula 1 a qualcun altro, ho intenzione di parlargliene. Chi al suo posto? Non ne ho idea, è una decisione che spetta alla Fia"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aaronrod

    23 Febbraio 2016 - 23:11

    Questo è un manichino con un disco rotto. L' unica cosa che ha sono i soldi , che ammuffiranno o si bruceranno gli eredi.

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    23 Febbraio 2016 - 20:08

    Sono un appasionato di F1 da anni - scusatemi ma che sta dicendo il vecchio Bernie - forse sta invecchiando - che ripeta queste parole quando si siede a rinovare i contratti a Monza. Oppure ai vecchi cirquiti che hanno reso famosa la F1. Imola, Nürburgring Nordschleife, Donington, Brands Hatch, Watkins Glen, Zandvoort, Estoril, Kyalami, Zolde-ora ci propone gare in un garage di notte . per soldi

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    23 Febbraio 2016 - 14:02

    Capisco l'età, ma un T.S.O. urgente a questo demente va fatto immediatamente. Controlla la formula 1 da almeno 50 anni, ha distrutto uno degli spettacoli più seguiti ed amati dalla gente ed ora se ne lamenta?? Pazzesco mandatelo a casa altrimenti a seguire la formula 1 resteranno solo gli addetti ed i loro famigliari.

    Report

    Rispondi

  • angelux1945

    23 Febbraio 2016 - 13:01

    Se vogliamo dare un nome alla "mafia", il nome Ecclestone sarebbe l'ideale!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog