Cerca

Fidel all'attacco

Pure Confalonieri sbrocca: "Fanno schifo". Il pazzesco sfogo (che fa male al Cav)

Fedele Confalonieri

«Sarebbe opportuno che i calciatori del Milan giocassero meglio. Anzi fanno proprio schifo». Se a sparare una frase del genere è il braccio destro di Silvio Berlusconi, Fedele Confalonieri, vuol dire che la situazione è davvero grave. Tanto da far vacillare il patron sotto la pressione dell’offerta cinese? Probabilmente sì, anche solo per il momento.

Risolti gli ultimi dettagli, infatti, l’advisor Sal Galatioto spinge per avere entro domani la firma sull’accordo di esclusiva per il passaggio del 70% (al prezzo di 720 milioni): sarebbe uno step importante, ma non vincolante fino alla firma del preliminare, attesa non prima delle elezioni di giugno. Intanto, dopo il 3-3 col Frosinone, arriva un’altra analisi impietosa: «La società ha responsabilità ma anche i giocatori: manca gente con senso di appartenenza», sentenzia Gattuso alla presentazione della finale di Tim Cup. Meno loquace Galliani, che svela però la chiamata notturna di Balotelli per scusarsi del rigore sbagliato.

Nella totale incertezza, mentre si inseguono le voci sull’allenatore del futuro (Montella e Sousa i candidati oltre a Pellegrini) e sul mercato (dalla Spagna la voce di un accordo con Nolito del Celta Vigo, 30 anni, 18 milioni di clausola), sembra quasi fatta per il rinnovo triennale di Montolivo, tra i più bersagliati dai tifosi, con Bacac che fa sapere di voler parlare con la società a fine stagione. Ma la rivoluzione cinese potrebbe rimettere tutto in discussione.

di Francesco Perugini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andresboli

    03 Maggio 2016 - 11:11

    questa volta silvio ha sbagliato, doveva vendere tutto qualche anno fà e portarsi a casa i soldi.

    Report

    Rispondi

blog