Cerca

Spy-story rossonera

Terrificante sospetto, complotto contro Brocchi: Milan, di chi sospetta Berlusconi

Silvio Berlusconi e Christian Brocchi

Per il Milan un disastroso finale di campionato. L'ultimo atto, l'umiliazione subita a San Siro dalla Roma: 3-1, partita chiusa dopo 20 minuti, prestazione imbarazzante. Il tutto a una settimana dall'ultima speranza rossonera, la finale di Coppa Italia contro la Juventus. La situazione, insomma, non potrebbe essere peggiore. E Christian Brocchi, il mister allo sbaraglio, dopo la gara con la Roma ha mostrato tutta la sua delusione, sfogandosi così come ancora non gli era capitato di fare.

L'allenatore, infatti, ha puntato il dito contro lo scarso impegno agonistico della squadra. Secondo testimoni presenti a Milanello, Brocchi avrebbe ripetuto le stesse cose domenica mattina, a Milanello, in un tesissimo incontro con la squadra.

Il punto, però, è che stando alle indiscrezioni Brocchi avrebbe cominciato a farsi qualche domanda: perché il suo Milan gioca così male? In molti, infatti, hanno notato lo scarso impegno, la propensione a "non muoversi" dei rossoneri. Ed è in questo contesto che sta fiorendo il sospetto: si tratta di una sorta di "ammutinamento", di una vendetta della squadra contro mister e presidente per sostenere Sinisa Mihajlovic?

Certo, i risultati del tecnico serbo non hanno soddisfatto nessuno, però Sinisa era amato dalla squadra. E la stessa squadra non ha capito l'esonero a poche giornate dalla fine. E insomma, lo spettacolo visto con la Roma e nelle precedenti giornate ha alimentato il sospetto: la squadra gioca contro il tecnico, soprattutto in vista della prossima stagione? Un sospetto che, per inciso, almeno secondo La Stampa, il presidente Silvio Berlusconi aveva espresso già una decina di giorni fa, ben prima del tracollo casalingo contro la Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attila51

    18 Maggio 2016 - 14:02

    Ma che complotto: a cominciare da Galliani sono un "equipo" di pelandroni buoni a nulla. Presidente compreso.

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    16 Maggio 2016 - 14:02

    ma chi se ne frega!!!

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    16 Maggio 2016 - 13:01

    Sbagli dopo sbagli. Quando la società avrebbe dovuto sostenere il tecnico non l'ha fatto, anzi. Ora la squadra rifiuta il tecnico. Si cambi tutto, anche in società e si prenda un tecnico con esperienza. Questo serve.

    Report

    Rispondi

blog