Cerca

I protagonisti

Milan-Juve, le pagelle della finale: De Sciglio stupisce, Hernanes flop

Milan-Juve, le pagelle della finale: De Sciglio stupisce, Hernanes flop

Le pagelle di Milan-Juventus, finale di Coppa Italia vinta dai bianconeri 1-0 ai supplementari con gol di Morata.

MILAN (4-3-3)

Donnarumma 6,5: quando è stato chiamato in causa ha mostrato prontezza di riflessi e buona personalità. 
Calabria 6,5: il giovane laterale fa bene entrambi le fasi. Concede pochi spazi e si propone con buona continuità anche in attacco. 
Romagnoli 6: ordinato e attento. Tiene bene la posizione e non demerita nel duello molto fisico con il centravanti bianconero Mandzukic.  
Zapata 5,5: meno sicuro del compagno di reparto. Ogni tanto è costretto a ricorrere al fallo per fermare le avanzate di Dybala. 
De Sciglio 7: il terzino rossonero sembra rigenerato. Galoppa sulla fascia e nel primo tempo va vicino al gol con una buona conclusione dalla distanza. 
Poli 7: tanta corsa e non solo. Per lui anche la chance per battere Neto. Tiene un gran ritmo fino alla sostituzione (dal 40’ st Niang 5,5: è il più fresco ma non incide). 
Montolivo 6: nel primo tempo è il cervello del Milan. Ma con l’aumentare del ritmo e il passare del tempo si spegne. (dal 4’ sts Mauri s.v.) 
Kucka 6,5: solita partita di grande sacrificio. Ogni tanto prova pure ad inserirsi, ma non è fortunato (dal 8’ sts Balotelli s.v.). 
Honda 6: fa entrambe le fasi ma con il passare del tempo perde lucidità, soprattutto con la palla tra i piedi. 
Bacca 5,5: In una partita con così poche occasioni da gol create non riesce mai a piazzare la zampata.  
Bonaventura 6,5: È quello con il maggior tasso tecnico nel Milan e lo fa vedere.

di Michele Mazzeo

JUVENTUS (3-5-2)

Neto 6.5: rischia la beffa su un tiretto di Bonaventura. Poi sicuro. 
Rugani 6.5: ormai maturo anche per la Nazionale. 
Barzagli 6.5: una sola sbavatura. Cancella Bacca e si concede una sontuosa uscita palla al piede. 
Chiellini 7: al rientro, si dimostra il solito guerriero, pronto a mettere il piedone ovunque. Conte sarà felice. 
Lichtsteiner 6: molto guardingo, spinge troppo poco (dal 30’ st Cuadrado 6.5: un po’ di fantasia in più, ma soprattutto l’assist decisivo per Morata). 
Lemina 6: parte piano, migliora poco a poco. 
Hernanes 5: Profeta al piccolo trotto e fuori dal gioco (dal 2’ sts Morata 7: lo spagnolo entra e al primo pallone toccato regala la Coppa Italia alla Juve. Marotta faccia uno sforzo per tenerlo...).  
Pogba 6: qualche sprazzo qua e là, ma non è certo il Paul che spacca le partite. Reclama un rigore all’inizio. Poi protesta tanto. 
Evra 5: perde alcuni brutti palloni. Rinnovo per due anni? Meglio di no (dal 17’ st Alex Sandro 6.5: buon impatto sul match, si rende protagonista di alcuni buoni spunti). 
Dybala 6.5: il bianconero più vivace, quando cambia marcia fa sconquassi. Guadagna falli e sembra spesso pericoloso. Però, in fase di conclusione, anche lui latita. 
Mandzukic 6: tanto impegno, poco costrutto per il gigante croato. Ha una sola chance, ma non riesce a sfruttare l’incertezza di Donnarumma.

di Miska Ruggeri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog