Cerca

L'intervista

Milan, Berlusconi umiliato dai cinesi: "Mi volevano cacciare, poi..."

Milan, Berlusconi umiliato dai cinesi: "Mi volevano cacciare, poi..."

“Ho voluto fa mettere nella trattativa con i cinesi l’obbligo di restare presidente per almeno tre anni, ma è un obbligo mio perché loro mi vorrebbero cacciare". E poi ancora: "Il Milan lo vendiamo perché vogliamo farlo più grande. Voglio dare la società a chi abbia tante ambizioni e voglia riportarlo a essere protagonista. E cerco un partner che disponga dei fondi necessari”. Lo ha detto - scrive Tuttosport- Silvio Berlusconi a proposito del Milan e del suo futuro nella squadra. 

La panchina del Milan -  "Vediamo come procede la storia della vendita. Io ero convinto di aver fatto bene a metterlo in panchina e che lui avesse bisogno di un po’ di tempo e a Roma, nonostante la sconfitta, mi ha dato una buona risposta. Con la Juve abbiamo giocato bene e Brocchi lo stimo come una persona seria e capace”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • irucangy

    30 Maggio 2016 - 10:10

    Bella questa, gli altri ci devono mettere i soldi e lui deve continuare a comandare... I cinesi non li faccio cosi' idioti...

    Report

    Rispondi

  • Chry

    24 Maggio 2016 - 01:01

    Ah, ok, significa che lo anno cacciato davvero

    Report

    Rispondi

  • francescoconforti27

    23 Maggio 2016 - 20:08

    la juve ha rastrellato gli elementi migliori nessuno squadra di A ha il suo organico ne i mezzi economici per contrastarla Brocchi in paio d'anni puntando sui giovani può riportare in alto i rossoneri nulla di più In Juve Milan si è visto il miglio Milan degli ultimi 3 anni pur gicano con una nullità come Baca

    Report

    Rispondi

  • tontolomeo baschetti

    23 Maggio 2016 - 19:07

    Dalle stalle alle stelle, poi di nuovo alle stalle .... il giro in giostra di Silvio (non solo nel calcio).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog