Cerca

Il campione

Lutto nella boxe, è morto Muhammad Ali. Addio a una leggenda del pugilato

Lutto nella boxe, è morto Muhammad Ali. Addio a una leggenda del pugilato

Muhammad Ali, leggenda della boxe, è morto all'età di 74 anni. L’annuncio è stato dato da un portavoce della famiglia: ricoverato giovedì in un ospedale di Phoenix, Arizona, l’ex campione del mondo dei pesi massimi soffriva di una malattia respiratoria complicata dal Parkinson, di cui era malato da tempo.

I funerali, è stato annunciato, si svolgeranno nella città natale di Ali a Louisville, nel Kentucky. Ali, nato Cassius Marcellus Clay, divenne celebre con la vittoria della medaglia d’oro dei pesi mediomassimi alle olimpiadi di Roma del 1960. Unico pugile al mondo ad aver conquistato per tre volte il titolo di campione del mondo dei pesi massimi, Ali si ritirò nel 1981 dopo aver vinto 56 dei 61 incontri disputati.

Ma la sua influenza, fuori dal ring, non è stata da meno, dalla conversione all'Islam al gran rifiuto ad andare a combattere in Vietnam che gli costò il ritiro della licenza pugilistica e l’interruzione della sua attività dall’aprile del 1967 al settembre del 1970, quando era già il numero uno. Negli anni, il deterioramento della sua salute non ha fiaccato il suo spirito da lottatore. Lo scorso dicembre aveva fatto irruzione anche nella campagna elettorale americana con una dichiarazione contro il candidato repubblicano alla presidenza Donald Trump che ha proposto di bandire i musulmani dagli Usa. "Noi come musulmani - aveva avverto Alì - dobbiamo reagire contro coloro che usano l’Islam per portare avanti la loro agenda personale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gio52

    05 Giugno 2016 - 10:10

    Certo , un grande pugile. Ma il merito di renderlo un po' "umano" e' solo del parkinson. Prima era solo il maestro di tyson . Riguardo alle sue religioni : entrambe sono farcite di schifezze .

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    04 Giugno 2016 - 16:04

    Un convertito islamico in meno. Non mi piace chi rinnega il proprio nome e le proprie origini, prendendosi però tutti i soldi che quel sistema che lui diceva di odiare gli ha elargito.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    04 Giugno 2016 - 14:02

    Aveva ricevuto tanti di quei cazzotti in testa che si era rincoglionimento al punto da convertirsi all'Islam. Quanto al "grande campione" credo che la sua fama sia stata costruita a tavolino con incontri sapientemente truccati. Ad esempio quello con Sonny Liston e quello con Foreman.

    Report

    Rispondi

  • Asso19644

    04 Giugno 2016 - 13:01

    R.I.P. Sei stato un grande

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog