Cerca

Quello che non torna

Biasin: Schwazer e il doping, non c'è una prova ma una "provetta"

Biasin: Schwazer e il doping, non c'è una prova ma una "provetta"

Se siete tra quelli che credono che Schwazer sia un cretino, uno spostato, un imbecille che dopo aver clamorosamente ficcato le mani nel barattolo della marmellata ha scelto di rificcarcele nei mesi in cui quelli dell’antidoping lo trattavano come una cavia, allora ci arrendiamo: avete ragione voi. Se invece credete che il delirio di ieri non sia normale, che ci sia qualcosa di strano, che l’«odore del doping» nel corso della giornata sia stato sommerso da un clamoroso «puzzo di vendetta», allora forse siete straniti come noi. Non bisogna essere complottisti del genere «l’11 settembre è dipeso dai marziani» per capire che un marciatore positivo agli anabolizzanti è un ossimoro del genere «mi voglio fare Belen, vado all’appuntamento con i sandali alla tedesca».

Un marciatore sporco e lurido si bomba con l’Epo, e infatti Alex a suo tempo si strafaceva di quello. Solo un imbecille per marciare più veloce ingurgita anabolizzanti (tradotto, più muscoli). Dite «Beh, per noi Schwazer è imbecille». Ci può stare, ma il suo allenatore no, che diamine. Donati, famoso da duemila anni per il suo essere «esempio di pulizia e lotta al doping» avrebbe mischiato se stesso in una storia così merdosa e illogica? Per piacere. Qui c’è dell’altro, qualcuno che ci considera talmente cretini da volerci far credere che un test negativo a gennaio possa diventare positivo a maggio. Il guaio è che non sarà facile per Alex trovare prove a sua discolpa e, anzi, presto contro di lui testimonieranno pure le mucche della Val Gardena: con un quantitativo di testosterone 11 volte superiore alla norma, per tenere a bada il birillo Alex si è certamente fatto anche quelle.

di Fabrizio Biasin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    23 Giugno 2016 - 09:09

    Quando un ispettore crucco è cosi`imbecilli da presentarsi al Quirinale per fare un controllo antidoping a un'atleta del nuoto , non occorrono altre prove per dimostrare la volontà di sabotaggio dello sport italiano da parte dell'organizzazione internazionale dello sport.

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      23 Giugno 2016 - 16:04

      Come non condividere!!!

      Report

      Rispondi

  • straniero

    23 Giugno 2016 - 09:09

    Biasin questa volta sono perfettamente d'accordo con te.

    Report

    Rispondi

blog