Cerca

L'intervista

Pellé , il rigore e quel gesto maledetto: "Basta, ora vi dico perché l'ho fatto"

Pellé , il rigore e quel gesto maledetto: "Basta, ora vi dico perché l'ho fatto"

"Non volevo fare lo sbruffone, non volevo offendere né provocare Neuer, ma dal momento chè è bravo e si muove tanto volevo tenerlo fermo, lui non si è nemmeno accorto del mio gesto e a fine partita è venuto da me a farmi i complimenti, mi ha detto che sono un grande giocatore". Graziano Pellè torna sul rigore fallito ieri sera contro la Germania, ma soprattutto sul gesto, quello dello scavino, rivolto a Neuer prima di calciare. "Chiedo scusa agli italiani, mi dispiace che sia finita così", aggiunge Pellè in partenza per Londra insieme alla compagna. Ha sbagliato lui e dagli 11 metri ha fallito anche Zaza che era entrato negli
ultimi secondi proprio per andare sul dischetto."Io e Zaza in allenamento facevamo sempre gol, Simone la metteva sotto la
traversa ogni volta che provava. Purtroppo va cosi, c’è tanta adrenalina in quei momenti". Anche se non era in condizione di
giocare, forse si poteva provare la carta De Rossi, rigorista esperto che nella finale del Mondiale del 2006, per esempio, era
andato a bersaglio, "Non sarebbe stato giusto, non era in condizione, se avesse sbagliato lo avrebbero massacrato". Pellè
spiega come è nata la scelta dei rigoristi: "Conte ha fatto la lista, noi sceglievano la sequenza". Due gol e buone prestazioni, Pellè perà non vuole darsi un voto. "Non mi interessa, il giorno dopo è triste come quello prima. Sono venuto che non ero nessuno, me ne vado come sono arrivato".

Prima di queste dichiarazioni, l’attaccante del Southampton aveva pubblicato le sue considerazioni su Instagram. «"onostante un epilogo triste porterò per sempre il ricordo di un gruppo fantastico, un gruppo di 23 leoni che dal primo giorno di ritiro e fino a oggi si sono sempre aiutati, nel bene e nel male, grazie ragazzi". È  andata male e l’amarezza è tanta. «Purtroppo è il calcio,
pieno di momenti piacevolmente indimenticabili e momenti da dimenticare, ma è pur sempre lo sport più bello al mondo».Infine Pellè manda il suo graziea una nazione intera che ci ha supportato fino all’ultimo respiro o lacrima di questo
torneo.Orgoglioso di essere italiano»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    09 Luglio 2016 - 03:03

    Nonso se si possa definire un coglione or un ingenuo, forse tutt'e due.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    04 Luglio 2016 - 18:06

    se avessi evitato di fare il "fenomeno" tirando un calcetto da oratorio invece che un missile come hanno fatto loro forse quella cacchio di palla sarebbe entrata! invece ha voluto fare il fighetto e l'hai/abbiamo preso nel cu...o

    Report

    Rispondi

  • steccarm

    04 Luglio 2016 - 10:10

    ma perchè non se ne va a liverpool con zaza e quell'altro cretino di balotelli

    Report

    Rispondi

  • Habacuc

    04 Luglio 2016 - 09:09

    Da che il mondo è mondo i rigori si possono anche sbagliare...ma non come hanno fatto questi qua, non stiamo parlando di una partitella fra scapoli e ammogliati e se non hanno i nervi saldi, la capacità di concentrazione e la necessaria freddezza per battere un rigore come Dio comanda, vuol dire che d'ora in poi la Nazionale la devono vedere solo alla TV.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog