Cerca

Movimenti bianconeri

Juventus, maxi-offerta per Bonucci

Leonardo Bonucci

Altroché Brexit. A leggere la stampa inglese la Premier League è sempre in vena di follie. I club d’oltremanica (le due squadre di Manchester e il Chelsea di Conte) sono disposte a spendere cifre esorbitanti per rinforzare le proprie rose. Obiettivo? Vincere il campionato e dare l’assalto alle coppe europee (non i blues dell’ex ct azzurro classificatasi decimi nello scorsa stagione, anticipando così la loro personale Brexit calcistica almeno per quest’anno). E queste manovre di mercato toccano anche l’Italia. Nel mirino dei due club di Manchester infatti ci sono i giocatori della Juventus: Paul Pogba e Leonardo Bonucci.

Per il cartellino del francese, secondo quanto scrive il Daily Mirror, al termine dell’europeo, il Manchester United di Josè Mourinho presenterà una proposta di 100 milioni di sterline, circa 116milioni di euro da versare nelle casse del club torinese. Al calciatore andrebbero 300mila sterline a settimana, pari a circa un milione e mezzo di euro al mese. A queste cifre i bianconeri cederebbero il loro gioiello. Ma alla Juve non è mai arrivata nessuna offerta ufficiale, né dall’Inghilterra, né dalla Spagna tramite il Real Madrid. Quando certe cifre, lette per ora solo sui giornali, saranno reali la dirigenza bianconera affronterà la questione. Come dovrà affrontare il caso Bonucci. Il quotidiano The Guardian conferma che il City di Pep Guardiola non si è fermato davanti al primo rifiuto bianconero per il difensore azzurro, ma ha deciso di rilanciare. La nuova offerta dei citizens sale da 38 milioni di sterline a 51, che in euro equivalgono a 60 milioni. L’agente del calciatore, Alessandro Lucci, è stato avvistato ieri nella città inglese. Un segnale chiaro che una trattativa esiste. E a quelle cifre, per la dirigenza juventina, vale lo stesso discorso fatto per Pogba. L’addio di Bonucci potrebbe essere mitigato dall’arrivo del centrale difensivo Benatia dal Bayern Monaco. E con il Chelsea continua sempre il discorso per Cuadrado. Proprio il club londinese ha deciso, secondo quanto scritto da The Sun, di regalare Lionel Messi a Conte. Il proprietario dei Blues, il magnate russo Roman Abramovich, avrebbe incontrato una decina di giorni fa sul suo yacht il papà del numero 10 del Barcellona. Il Chelsea, secondo il tabloid, avrebbe offerto un contratto da 800mila sterline a settimana. L’affare è difficile per via della clausola di rescissione di 250 milioni di euro da versare agli spagnoli. Ma è un’altra conferma che il calcio inglese non ha nessuna intenzione di tirare la cinghia.

In Italia, invece, si lavora a ritmo ridotto e a cifre molto più basse. In primo piano il Napoli. Il presidente della Lazio Lotito ha confermato che i partenopei sono su Candreva: «Mi hanno offerto più di 20 milioni», ha sentenziato. Una cifra che è superiore all’offerta dell’Inter che per prima si è interessata al nazionale azzurro. Il Napoli ora è in pole e lo stesso Candreva, che spingeva per i nerazzurri, si sta convincendo. L’interista Davide Santon potrebbe invece tornare in Premier League. Il Sunderland sta trattando con il club del giocatore per una cessione a titolo definitivo. Molto attivo anche il Milan. Ha quasi chiuso con il Villareal per il difensore argentino Musacchio e ha fatto un sondaggio con l’Atalanta per il Papu Gomez. I bergamaschi chiedono dieci milioni. Per Pjaca i rossoneri hanno alzanto l’offerta a 28 milioni più 2 di bonus per la Dinamo Zagabria. Per il centrocampo piace Sosa, ex Napoli, quest’anno al Besiktas. L’ex tecnico rossonero Clarence Seedorf ha firmato per lo Shenzhen, serie B cinese. Mentre è ufficiale l’arrivo di Gilardino all’Empolii.

di Giampiero De Chiara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog