Cerca

Misteri e paura

"Temo per la mia vita. E Schwazer...". Chi vuole uccidere l'allenatore di Alex

Alex Schwazer

"Sì, ho paura che possa accadere qualcosa di molto brutto a me o alla mia famiglia". Paura di cosa? "Anche di perdere la vita". A parlare è Sandro Donati, allenatore di Alex Schwazer, una vita in prima linea contro il doping. E ora, invece, il doping ha travolto (ancora) il marciatore, e dunque anche lui. E in un'intervista dai toni drammatici concessa a Repubblica, Donati esce allo scoperto e afferma: "Non mi sono piegato ed ecco perché adesso temo il peggio. Già la mia carriera di allenatore è stata stroncata 29 anni fa quando feci le prime denunce sul doping, ma oggi le contiguità fra alcune istituzioni sportive e ambienti malavitosi sono ricorrenti e dimostrabili".

Parole pesanti, anzi pesantissime, e che difficilmente non si possono legare a quanto accaduto al marciatore, un caso che ha lasciato parecchi sospetti e altrettante persone con l'idea che quello ai danni dell'atleta sia un complotto. Donati aggiunge che "andrò al più presto alla procura della repubblica di Roma a rappresentare certe situazioni, ho molte cose da dire ma nei dettagli preferisco informare prima i magistrati. Per colpire me è stato macellato un atleta innocente che in passato ha sbagliato, ma che è un campione immenso che avrebbe sicuramente vinto a Rio la medaglia d'oro sia sui 20 chilometri che sui 50". Su chi abbia voluto colpire Schwazer, l'allenatore ha idee piuttosto chiare: "Questa storia porta con sé un messaggio molto chiaro: chiunque parla va messo fuori gioco, chi rompe il muro dell'omertà che c'è sul doping deve comunque pagarla cara".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog