Cerca

La trattativa

Milan ai cinesi, rischia di saltare tutto. Il terrificante sospetto sugli asiatici

Milan ai cinesi, rischia di saltare tutto. Il terrificante sospetto sugli asiatici

Il consorzio cinese ha chiesto e ottenuto più tempo per la trattativa sul Milan. Ufficialmente, riporta la Gazzetta dello Sport, per completare la documentazione. Secondo i maligni invece, dietro la richiesta di prolungare di almeno un paio di settimane, ci sarebbero motivi finanziari: in sostanza non è ancora stato accumulato tutto il denaro necessario da far confluire in un fondo ad hoc. Una mancanza di liquidità che non solo posticipa la firma della cessione del club rossonero ma influisce sul mercato estivo. In questo momento il Milan può solo autofinanziarsi cedendo giocatori capaci di garantire cassa.

Sia il Milan sia Fininvest sia i cinesi ostentano tranquillità e ottimismo. La trattativa si allunga solo perché deve essere sistemato il contratto che prima prevedeva un'acquisizione dell'80% e ora contempla invece la totalità del club rossonero. I contatti fra Galatioto e Gancikoff, gli advisor del consorzio cinese, e Fininvest sono sempre assidui, così come assiduo è il lavoro dietro le quinte degli uffici legali di acquirenti e venditori.

Ora gira la voce secondo cui le parti firmeranno il 16 agosto anche se sembra più verosimile che si concluderà gli ultimi giorni del mese. Quindi il closing avverrebbe fra ottobre e novembre. E questo significa che per Montella sarà molto difficile ottenere i giocatori che aveva chiesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aops777

    02 Agosto 2016 - 21:09

    Berlusconi non ha nessuna cordata cinese. È praticamente senza soldi e quindi impossibilitato a fare una misera campagna acquisti. I cinesi erano e sono un prendere tempo fino alla fine di agosto. Vedrete che alla fine agosto non ci sará nessuna vendita della societá,e noi resteremo con un pugno di mosche in mano. Ammesso che prima non portino i libri in tribunale.

    Report

    Rispondi

blog