Cerca

Tutta colpa di una foto...

Rio 2016, un inizio horror (in campo): l'atleta massacrata in diretta / Guarda

Hope Solo

Le Olimpiadi di Rio de Janeiro iniziano nel peggiore dei modi, con una selva di fischi e insulti contro un'atleta. È accaduto nel corso della partita tra Usa e Nuova Zelanda di calcio femminile (il torneo inizia prima della cerimonia d'inaugurazione), vinta dagli americani per 2-0. Nel mirino, il portiere a stelle e strisce Hope Solo, sbeffeggiata e insultata per 90 minuti dagli spettatori sulle tribune dello stadio di Belo Horizonte. Ogni volta che toccava la palla, scattava il "linciaggio", con tanto di coro agghiacciante: "Zika-Zika-Zika".

La colpa della Hope? Presto detto: una serie di tweet ironici alla vigilia della partenza per Rio, con hashtag #Zikaproof e #Deptofdefence, con i quali ha mostrato ai followers le armi messe in valigia per prevenire il virus Zika, appunto. Si trattava di un cappuccio-zanzariera che ricordava quelli del Ku-Klux-Klan ben calato in testa mentre brandiva un flacone di repellente anti-zanzare. Sul barilotto, la Hope scriveva: "Portatevi il vostro! Io non lo divido". Dunque l'atleta ha mostrato altri prodotti insetticidi, zampironi, pomate, stick post-puntura. Uno scherzo che non è piaciuto, affatto, ai tifosi brasiliani, che la hanno massacrata.

A fine partita Hope Solo ha risposto all'assedio con un sorriso: "Mi sono divertita. Siamo in Brasile, qui c'è gente simpatica che ama il nostro sport. I cori e i fischi assordanti? Li ho sentiti, ma mi avrebbe fatto molta più paura il ronzio di una zanzara nelle orecchie". Touché.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog