Cerca

Il caso

Doping e Schwazer, il medico sospeso allena a Rio?

Alex Schwazer

Pochi istanti dopo aver completato la maratona olimpica femminile, la migliore italiana Valeria Straneo (classificatasi 13esima) concede un' intervista ai microfoni Rai chiudendo così: «Posso ringraziare solo il mio fisioterapista Maurizio Odorizzi (…) e anche il dottor Pierluigi Fiorella, senza di loro veramente sarebbe stata molto dura». La linea torna allo studio dove glissano rapidamente.
Peccato che Fiorella come punto di riferimento della Straneo suoni parecchio stonato.

Chi è Fiorella? Partiamo da qui. Alex Schwazer viene trovato positivo ai controlli pre-Londra 2012 e squalificato. Il dottor Fiorella è una delle cinque persone indicate proprio da Schwazer come «al corrente» del suo uso di sostante dopanti e per questo indagate dalla Procura di Bolzano con l' accusa di concorso in favoreggiamento di uso di farmaci. Oltre a Fiorella, ci sono Michele Didoni (ex allenatore di Alex), Giuseppe Fischetto (responsabile sanità della Federatletica), Rita Bottiglieri (segretaria Fidal) e Karl Wechselberg (cavaliere professionista, cui Schwazer avrebbe commissionato il trasporto di Epo dalla Turchia).

Secondo la Procura, alcune mail avrebbero compromesso la posizione di Fiorella, come quella che quest' ultimo scambia con Schwazer alla vigilia delle Olimpiadi 2012 (riportata a suo tempo da Il Sole 24 Ore), in riferimento alla scelta dell' atleta di non soggiornare a Londra tra le gare della 20 e della 50 km, ma fare avanti e indietro con la Germania: «La decisione sulla permanenza a Londra o meno spetta a te, ma ricorda che certamente alla Iaaf puzzerà questo tuo andar su e giù». Tanto che la Procura ritiene che «Fiorella sia pienamente consapevole dell' utilizzo nel corso degli anni di pratiche di doping da parte dell' atleta». In seguito al processo, Fiorella (così come Fischetto) si è autosospeso dalla Fidal, smentendo ogni parola detta Schwazer. Scoprire chi dei due abbia ragione non è compito nostro, a noi piuttosto preme sapere cosa ne pensa la Fidal (che con Schwazer si è sempre nascosta) delle parole della Straneo (finite sottotraccia, ma i video Rai ci sono), che tira in ballo un professionista indagato perfaccende di doping, auto-sospesosi e dunque in teoria impossibilitato ad assistere atleti e competizioni. Valeria, senza farci caso, ha forse tolto il velo a un costume tutto italico, quello del chiudere un occhio, o anzi tutti e due?

Tommaso Lorenzini - @Texbomb
Claudio Savelli - @pensavopiovesse

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog