Cerca

La svolta

Milan, il cinese Li raddoppia l'investimento nel club: subito altri 100 milioni di euro

Silvio Berlusconi

Dopo settimane di lavoro, tra i nuovi investitori cinesi che hanno messo le mani sul Milan - rappresentati dal futuro ad Marco Fassone, e l’advisor Rothschild per la pianificazione economica della futura società - starebbe tornando l'ottimismo. Non solo dalla Cina c’è l’intenzione di rispettare le scadenze già fissate (quindi il closing a metà novembre), ma l’obiettivo è anticipare di un mese il punto che preoccupa di più i tifosi del Milan: ovvero la scoperta dell’identità degli investitori cinesi. Non sarebbe uno snodo formale, ma di sostanza: se i cinesi svelassero i nomi vorrebbe dire che sono arrivati i soldi e le autorizzazioni. Ergo, l'acquisizione sarebbe conclusa. 

Secondo autorevoli fonti finanziarie, infatti, il capocordata cinese Yonghong Li sarebbe pronto a raddoppiare il suo investimento sul Milan e a mettere sul piatto altri 100 milioni, dopo i 100 milioni già versati all'azionista di maggioranza Fininvest come anticipo. Dunque in totale Yonghong Li (di cui nessuno però conosce le reali disponibilità economiche, né si sa a chi sia legato dal punto di vista finanziario) dovrebbe versare alla holding della famiglia Berlusconi in totale 200 milioni, una grande fetta dei 500 promessi per l’acquisto del club (esclusi i debiti, che ammontano a poco più di 200 milioni). Mister Li, dunque, diventerebbe il principale azionista del consorzio cinese.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    01 Ottobre 2016 - 05:05

    Li darà ai terremotati??? O finalmente completerà gli ospedali per bambini che sta costruendo con molto ritardo??? Oppure a 100000 anziani???

    Report

    Rispondi

blog