Cerca

Italia in campo, lo sfregio a Israele: nei guai tre ultras

Italia in campo, lo sfregio a Israele: nei guai tre ultras

Tre ultras baresi, due dei quali già da tempo sottoposti al Daspo, sono indagati dalla Procura di Bari con l’accusa di razzzismo negli stadi. Secondo le indagini della DIGOS di Bari, con l’ausilio della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione per i risvolti internazionali, i tre sarebbero i responsabili del ’saluto romanò in occasione dell’incontro di calcio Israele e Italia dello scorso 5 settembre allo stadio di Haifa. L’episodio per la sua gravità era stato pubblicamente condannato dalla tifoseria biancorossa. Nel corso delle perquisizioni domiciliari, la polizia ha sequestrato un manganello telescopico, una mazza da baseball e varia pubblicistica riconducibile all’ideologia nazi-fascista, oltre a materiale che conferma il coinvolgimento del gruppo nei fatti contestati, come il tagliando di ingresso allo stadio di Haifa. Inoltre, per impedire la reiterazioni di analoghe condotte illecite all’estero, il Questore di Bari ha disposto per uno degli indagati il provvedimento Daspo esteso anche in ambito internazionale per la durata di 3 anni, mentre ad un altro, l’aggravamento della misura già in corso da 3 a 5 anni con la previsione dell’obbligo firma e l’estensione in ambito internazionale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Skyler

    12 Ottobre 2016 - 09:09

    sarà anche un simbolo come dice qualcuno ma te lo fai a casa tua... avrei voluto vedere se li avessero arrestati e riempiti di botte: tutti a scandalizzarsi dicendo che non avevano fatto niente di male! e magari sono gli stessi che si sono scandalizzati per il tatuaggio di Di Canio a Sky....

    Report

    Rispondi

blog