Cerca

Rivoluzione amara

Serie A, dal 2018 addio alle partite alla domenica alle 15

Serie A: dal 2018 addio alle partite domenicali delle 15

Mentre si attende che l’asta per la cessione dei diritti tv del triennio 2018-21 della Serie A entri nel vivo, emergono le prime indiscrezioni sulla rivoluzione che potrebbe investire il massimo campionato dello sport più popolare in Italia. Secondo quanto scrive il quotidiano La Repubblica, Lega, Figc e club, al fine di riempire gli stadi spesso semi-vuoti e di risollevare gli ascolti delle pay tv, starebbero pensando di avvicinarsi al modello spagnolo, aumentando il numero delle finestre orarie in cui disputare una singola partita. 

Ciò farebbe felici le tv che in questo modo potrebbero offrire un prodotto senza concorrenza calcistica, ma anche chi deve vendere i diritti internazionali, che così avrebbe a disposizione numerose alternative per intercettare la prima serata dei palinsesti dell’Estremo Oriente. In soldoni, la classica partita della domenica alle 15 verrebbe abolita e si introdurrebbero nuovi slot. CalcioeFinanza ipotizza i seguenti: sabato alle 15 (per i mercati asiatici) sabato alle 18, sabato alle 20.45, domenica alle 12.30, domenica alle 18, domenica alle 20.45,lunedì alle 20.45 (l’alternativa: venerdì alle 20.45 in base ai calendari internazionali).

Insomma, stando alle indiscrezioni la "mitica" partita alle tre di domenica pomeriggio, apice del godimento postprandiale, potrebbe essere cancellata con un tratto di penna. E non è tutto, c'è anche una seconda, cattiva, notizia: per favorire una maggiore affluenza agli stadi le pay-tv potrebbero anche decidere di "oscurare", ovvero non trasmettere, uno dei big-match dei campionati stranieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Elrik007

    18 Ottobre 2016 - 17:05

    Se pensate sempre più ai mercati asiatici, le persone allo stadio saranno sempre meno....e sempre meno vedreanno partite alla tv ...tra l' altro già da adesso sono anche troppe

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    18 Ottobre 2016 - 16:04

    quindi non è riempire gli stadi che interessa ma vendere i diritti tekevisivi all'estero. Perchè non farne una ogni 90 minuti sette giorni su sette..... Povero mondo!!!

    Report

    Rispondi

  • Marcello51

    18 Ottobre 2016 - 15:03

    Spero che il calcio finisca presto. Che palle co sto pallone. Per gli orari ? chissenefrega...................

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    18 Ottobre 2016 - 12:12

    Ma giocate fra settimana alla due di notte! Tanto, chissenefrega!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog