Cerca

Eterno Dottore

MotoGp, Valentino Rossi secondo in Australia: pazzesca rimonta, cede solo a Crutchlow

Valentino Rossi

Cal Crutchlow ha vinto il Gran Premio di Australia classe MotoGp, terz’ultimo appuntamento del Motomondiale. Il britannico della Lcr Honda, al secondo successo stagionale, ha preceduto sul circuito di Phillip Island Valentino Rossi. Grandissima prestazione per il Dottore, scattato in griglia dalla 15/a posizione e autore di una strepitosa rimonta. Sul podio anche lo spagnolo Maverick Vinales su Suzuki, quarta la Ducati di Andrea Dovizioso. Ritiro per Marc Marquez (Honda): lo spagnolo, già campione del mondo. è caduto nel corso del 10° giro, quando era in testa. Sesto posto per il connazionale Jorge Lorenzo su Yamaha.

Come detto, quella di Valentino, è stata una gara spettacolare. Dopo essere stato durissimo con il team, sia alla vigilia (“non siamo cresciuti come negli anni passati, mentre gli altro lo hanno fatto”) sia in qualifica (“al box non sono stati svegli a predisporre anche la moto con le intermedie”), ha affrontato la gara con una rabbia e una determinazione impressionanti, partendo dalle retrovie, così come non gli capitava dai tempi della Ducati. Con un'altra posizione in griglia avrebbe potuto lottare per la vittoria, ma quando si è trovato solo Crutchlow davanti aveva già chiesto troppo alle sue gomme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    23 Ottobre 2016 - 19:07

    Ma cosa state dicendo? Brad Binder ha vinto una gara in Moto3 quest'anno, non nel 1932, partendo trentaquattresimo. Rossi arriva secondo partendo quindicesimo, dopo che Marquez è caduto. Dove sta questa "pazzesca" impresa?

    Report

    Rispondi

  • vasilli

    23 Ottobre 2016 - 14:02

    il piangini ora e colpa del tim cosa vuol dire lui non sapeva che fare dei giri in piu con le stesse gomme penalità .. e perche a voluto che lorenzo fine al 2017 non puo salire sulla Ducati ... poi i tifosi non si festeggia quanto uno cade ... vedremo nel 2017 a un altro spagnolo in casa

    Report

    Rispondi

blog