Cerca

Champions

Hamsik salva il Napoli: 1-1 nella bolgia del Besiktas

Hamsik salva il Napoli: 1-1 nella bolgia del Besiktas

Il Napoli esce con un preziosissimo pareggio dalla bolgia di Istanbul dopo aver rischiato la sconfitta-beffa. Alla Vodafone Arena finisce 1-1 tra il Besiktas e i partenopei: per Sarri, primo pareggio stagionale in Champions League dopo due successi e un ko e passo prezioso in vista degli ottavi. È Hamsik a salvare gli azzurri al 37’ della ripresa con un gran gol, dopo il vantaggio dei turchi siglato quattro minuti prima dall’ex interista Quaresma. Napoli propositivo ma sciupone e poco concreto sottoporta, rari i rischi corsi da Reina anche se i padroni di casa centrano nel primo tempo il palo con Hutchinson dopo un errore di Koulibaly. Il punto permette comunque agli azzurri di salire nel Gruppo B a 7 punti, a +1 dal Besiktas, in attesa del risultato di Benfica-Dinamo Kiev.

Nel suo 4-3-3 tradizionale Sarri dà fiducia ad Insigne nel tridente d’attacco completato con Callejon e Gabbiadini, Mertens parte dalla panchina. In difesa Maksimovic affianca al centro Koulibaly, a centrocampo c’è il rilancio di Jorginho. I padroni di
casa si presentano con il terzetto Quaresma-Arslan-Adriano alle spalle dell’unica punta Aboubakar. Avvio aggressivo del Napoli e subito in evidenza Gabbiadini, che si presenta puntuale sul cross di Ghoulam ma conclude debolmente. Pochi minuti dopo,
ancora il numero 23 azzurro arriva alla conclusione dopo aver domato il lancio di Allan: Fabri sventa il suo destro di piede. Si fanno vedere i turchi: Adriano salta Allan, serve un bel traversone per Aboubakar che anticipa Koulibaly ma mette sul fondo.
Alla mezz’ora grosso brivido in area partenopea: Quaresma mette dentro, Koulibaly sbaglia il disimpegno di testa, ne approfitta Hutchinson che di prima intenzione scarica il sinistro ma trova il palo. Prima dell’intervallo chance per Insigne, che prova il destro in acrobazia sul cross di Callejon ma colpisce male e non inquadra lo specchio.

Anche nella ripresa si vede un Napoli iniziare con piglio aggressivo. La palla del possibile vantaggio capita a Callejon, che dopo una grandissima palla di Insigne si presenta davanti a Fabri: lo spagnolo però spreca clamorosamente mettendo a lato. La
prima mossa di Sarri è l’inserimento di Mertens per Gabbiadini. E proprio il belga devia di tacco il cross di Ghoulam liberando al tiro Insigne: palla alta di pochissimo. Gli azzurri insistono, ma arriva la doccia gelata: Maksimovic tocca di mano sul
cross di Aboubakar, Clattenburg indica il dischetto. Quaresma trasforma: 1-0 per il Besiktas (32’) nel momento migliore della squadra di Sarri. Il tecnico toscano reagisce gettando nella mischia Zielinski e Diawara, fuori Allan e Jorginho. I partenopei
non hanno tempo per abbattersi, perché per riequilibrare i conti Hamsik si inventa una magia nemmeno quattro minuti dopo: lo slovacco scarica un bolide mancino dai venti metri che non lascia scampo a Fabri. Dopo il sospiro di sollievo, il Napoli prova
ancora a vincerla stando attento a non concedere pericolosi spazi indietro. Difficile però varcare il muro turco, anche se in pieno recupero Insigne, con un meraviglioso destro a giro con palla che fa la barba al palo, sfiora il colpaccio. Finisce 1-1,
e per come si era messa può andare benissimo così.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog