Cerca

Remuntada al Camp Nou

Champions League, troppo Barcellona per il Milan: super Messi e 40, Diavolo fuori

I blaugrana in versione Guardiola: Leo fa due gol nel primo tempo, Niang prende un palo sullo 0-1, poi troppi errori. Villa e Alba chiudono

Champions League, troppo Barcellona per il Milan: super Messi e 40, Diavolo fuori

Troppo Barcellona, troppo Messi per il Milan: al Camp Nou i blaugrana dominano e vincono 4-0 qualificandosi ai quarti di Champions League. I rossoneri non sono riusciti a difendere la clamorosa vittoria 2-0 dell'andata a San Siro: decisivo, in negativo, il palo di Niang a tu per tu con Valdes, sullo 0-1 e pochi secondi prima del raddoppio del solito, immenso Leo. Ma la squadra del duo Vilanova-Roura ha meritato per tutti i 90', controllando il gioco come nelle migliori serate targate Guardiola.

Messi show - Senza Pazzini, Allegri punta su Niang ma il giovanissimo francese non entra bene in partita, difendendo poco palla e sbaglando molti passaggi. E al 5', al primo affondo, il Barça passa con una magia della Pulce Messi: controllo al limite e sinistro all'incrocio in un fazzoletto. Il Milan subisce il tiki-taka catalano, e al 13' è il superbo Iniesta, da fuori, a costringere Abbiati al grande intervento (con traversa annessa). Al 38' l'occasione irripetibile per il Diavolo: Montolivo lancia dalla propria metà campo, Mascherano liscia e Niang s'invola verso la porta avversaria, diagonale secco e palo pieno. Ribaltamento di fronte, errore di Ambrosini in anticipo, palla a Messi ed è una sentenza: 2-0 da fuori, doppietta e primi gol su azione contro le italiane.

Villa poi Alba - Nella ripresa il copione non cambia: il Barcellona tiene palla e il Milan, schiacciato, non riesca a ripartire. Al 10' il gol che manda in fumo anche l'ipotesi supplementari: lancio filtrante di Xavi, Constant prova a intervenire ma non c'arriva e Villa può controllare con calma e infilare sul secondo palo con un sinistro morbido. Allegri, alle corde, manda dentro Robinho e l'ex Bojan, che ha un ottimo impatto. Il brasiliano viene anticipato nell'area piccola, poi l'assedio al 90' finisce malissimo: punizione dalla trequarti per il Milan, Binho e Muntari (entrato per Ambrosini) combinano un pasticcio e in contropiede Sanchez serve il solo Jordi Alba che chiude i conti. Giusto così, perché il Milan giovane e volenteroso di Allegri non ha ancora esperienza, carisma e qualità sufficienti per entrare tra le prime 8 squadre d'Europa. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enry

    14 Marzo 2013 - 10:10

    Meglio coglione, che pezzo di M.... puzzolente come lei

    Report

    Rispondi

  • enry

    13 Marzo 2013 - 15:03

    Ma guarda che bel personaggio, anche culattone

    Report

    Rispondi

  • pm111070

    13 Marzo 2013 - 15:03

    anche il milan stracciò la grande aiax di cruif ma poi .......

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    13 Marzo 2013 - 13:01

    Agli individui come ENRY dico che sono dei poveri merdosi ed invidiosi. Non riescono nemmeno a distinguere il calcio dalla politica. Sicuramente sono delle cacchine di sinistra ed andrebbero inculate a secco tre volte al giorno, così almeno avrebbero qualche argomento interessante da raccontare!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog