Cerca

Dribbling ai criticoni

Juventus, Giovinco costretto a chiudere la sua pagina Facebook: troppe offese

L'attaccante torinese non va molto d'accordo con i tifosi juventini che, ultimamente, non gli perdonano niente. La sua colpa? Dover essere il nuovo Del Piero

Juventus, Giovinco costretto a chiudere la sua pagina Facebook: troppe offese

Sebastian Giovinco zittisce i tifosi

Una storia d'amore che non riesce proprio a decollare quella tra la Formica atomica Sebastian Giovinco e i tifosi della Juventus. L'attaccante bianconero, classe '87, è stato "costretto" a chiudere la sua pagina Facebook ufficiale a causa delle troppe offese e dei commenti ingiuriosi. Il numero 12 della Vecchia Signora ha, secondo i fan, deluso le aspettative. Dopo i due anni di comprorietà a Parma Giovinco è tornato a casa ma non ha convinto il popolo juventino che non ha mai nascosto l'ostilità nei suoi confronti manifestandola attraverso fischi e striscioni.

Vice Del Piero? - Troppo peso e aspettative sulle sue spalle. Il figlio prodigo avrebbe dovuto rappresentare la nuova era, la cantera bianconera ma soprattutto il dopo Alessandro Del Piero, cuore e storia della Juventus, di cui sarebbe dovuto essere l'erede. Colpa delle punizioni battute nello stesso modo, del percorso professionistico simile, dell'amore più volte dichiarato nei confronti del Capitano, fatto sta che, alla prima partita storta, l'attaccante torinese è stato additato come non all'altezza per ricoprire il ruolo e per giocare nel club. Giovinco dal canto suo non ha mai nascosto l'avversione alle critiche come quando, dopo il gol del 2 a 0 nella gara giocata contro il Siena, ha puntato il dito in direzione della tribuna e poi sulla sua bocca come a zittire i tifosi scontenti. Il mister Antonio Conte ha però più volte difeso il campioncino: "I fischi a Giovinco? Si è presa una brutta abitudine, allo Juventus Stadium". Ed effettivamente i numeri il ragazzo ce li ha: colpi di genio palla al piede, falli guadagnati e un gioco generoso a favore della squadra; per non parlare degli 11 gol stagionali, tra campionato e coppe, che lo rendono il miglior marcatore della squadra insieme ai compagni Quagliarella e Vucinic. Allo Juventus Stadium questo però sembra non bastare e Sebastian dovrà dimostrare di avere anche carattere, oltre che stile, per guadagnarsi l'amore incondizionato dei suoi tifosi ancora doloranti dopo aver detto addio al proprio capitano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gibuizza

    21 Marzo 2013 - 11:11

    La sua colpa non è "dover essere Del Piero" ma di credersi Del Piero e comportarsi come lui quando invece gli è molto, ma molto lontano.

    Report

    Rispondi

  • Fax11

    21 Marzo 2013 - 09:09

    .....nano di Merda !!! Tornatene a Parmabimbo stupido !!! Forza Juve senza di lui ....

    Report

    Rispondi

blog