Cerca

La serie A di mezzogiorno

Il Milan si fa rimontare
Con la Fiorentina finisce 2-2

Rossoneri in vantaggio di due gol e in superiorità numerica, sprecano il 'natch point' Champions. Pessimo l'arbitro Tagliavento, Galliani contestato lascia lo stadio

Il Milan si fa rimontare
Con la Fiorentina finisce 2-2

La Fiorentina recupera 2 gol in inferiorita' numerica ed evita il ko, il Milan concede 2 rigori in 7 minuti e spreca il 'match point Champions'. Il pareggio per 2-2 nel big match del Franchi arriva dopo 90 minuti pirotecnici, con un'altalena di emozioni che rischia di far passare in secondo piano la giornataccia dell'arbitro Tagliavento. Il direttore di gara lascia il segno soprattutto con l'espulsione del viola Tomovic, cacciato al 40' per una gomitata 'misteriosa' ai danni di El Shaarawy. Alla fine, in un'atmosfera rovente, il Milan si prende comunque un punto utilissimo per consolidare il terzo posto e per tenere la Fiorentina a 7 punti di distanza.

Il match si 'stappa' al 14' per merito di Montolivo e per colpa di Pizarro. Il fischiatissimo ex, promosso capitano per la rimpatriata, ruba palla al cileno, che si addormenta davanti alla propria area, si presenta davanti a Viviano e imbuca per l'1-0. La Fiorentina accusa il colpo e fatica a sviluppare il gioco con la consueta fluidita'. Il Milan non fatica a gestire la situazione e davanti prova a farsi vedere con Balotelli: al 25' l'attaccante va al tiro su punizione, mira sballata. Dall'altra parte e' decisamente piu' insidioso il piazzato di Pasqual al 29': palla a fil di palo, Abbiati si salva. Il raddoppio del Milan sembra cosa fatta al 34': El Shaarawy salta in beata solitudine sul cross da destra, Viviano respinge il colpo di testa con un prodigio. Il match si infiamma improvvisamente e, dopo mezz'ora di nulla, si accende anche Jovetic: destro fiondato da 25 metri, Abbiati rimedia con i piedi.Al 40', Tomovic si impappina in disimpegno e rischia di farsi scappare El Shaarawy a 50 metri dalla porta: l'attaccante rossonero crolla a terra, il difensore della Fiorentina viene espulso. Il direttore di gara vede una violenta gomitata volontaria che non c'e': i padroni di casa si ritrovano in 10 e, come se non bastasse, prima del riposo devono rinunciare anche a Jovetic, costretto ad uscire per i fastidi muscolari accusati gia' la scorsa settimana a Cagliari.

La 'rivedibile' prestazione di Tagliavento prosegue al 49': Montolivo, gia' ammonito, stende Borja Valero ma il pallone resta tra i piedi dei viola e il direttore di gara non adotta provvedimenti. La Fiorentina continua a fare la partita nonostante l'inferiorita' numerica ma le occasioni migliori sono targate Milan. Al 53', in particolare, e' bravo Viviano a tenere il match in vita con la respinta sul destro ravvicinato di Flamini. Il centrocampista francese riprova al 61' e stavolta fa centro: cross di Montolivo, deviazione di destro e 2-0. Match chiuso? No, perche' la Fiorentina e' ancora viva. Tagliavento non ferma il gioco mentre De Sciglio e' a terra, Ljajic semina il panico nell'area rossonera e si procura un rigore per fallo di Nocerino. Il serbo non sbaglia dal dischetto, 1-2 al 66'. Il Milan non si riaccende e la Fiorentina completa la rimonta con il secondo rigore nel giro di 7 minuti. De Sciglio stende Cuadrado, Pizarro batte Abbiati e al 73' e' 2-2. Negli ultimi 20 minuti si gioca pochissimo e prima dei titoli di coda c'e' spazio anche per due proteste rossonere. Abate va giu' e chiede il rigore per l'intervento di Pasqual, Tagliavento non fischia e fa lo stesso al 93': Roncaglia tocca di mano su corner calciato da sinistra, Tagliavento tace. Adriano Galliani, contestato in tribuna al momento dell'espulsione di Tomovic, ha lasciato lo stadio anzitempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maximilian66

    07 Aprile 2013 - 18:06

    In settimana si e' ricostituita la GEA, con ospiti d'onore alla festa MAROTTA E GALLIANI.... le truppe del male sono tornate ed episodi di contestazione come quello odierno, ne vederemo ancora molti. Avremmo dovuto finirli...

    Report

    Rispondi

blog