Cerca

La 31ma giornata

Serie A, i risultati e la classifica della trentunesima giornata

9 Aprile 2017

3
Serie A, i risultati e la classifica della trentunesima giornata

Era da tempo che non si vedeva Galliani scatenato nell'esultanza in tribuna ma lo si può capire dopo questa goleada rossonera. Stavolta non poteva perdere l'ultimo treno per l'Europa il Milan, dopo il passo falso di Pescara un altro scivolone contro una mezza retrocessa avrebbe significato dire addio ai sogni di gloria, ma ha scelto il modo migliore la squadra di Montella per rilanciare la propria candidatura, per far felice il (quasi ex) dg e per spaventare l'Inter in vista del derby. Il 4-0 finale significa sesto posto a -2 dall'Atalanta e sorpasso ai cugini nerazzurri scivolati a Crotone. Travolto, annichilito il Palermo che non è mai stato in partita e soprattutto spettacolare come raramente s'era vista la squadra rossonera. Non è casuale che il rientro di Suso abbia coinciso non solo col ritorno alla vittoria ma anche con una manovra più fluida. Lo spagnolo mette il piede in tutte le azioni più importanti, incanta con le sue giocate ed ha il merito di sbloccare la gara in avvio.

Ad agevolare la strada per la vittoria al Milan arriva infatti il gol lampo dopo sei minuti. Merito di Suso che con una magistrale punizione dal limite dell'area scavalca la barriera e infila nell'angolino. Palermo sotto choc e Milan che va a valanga. Il raddoppio al 19': Suso viene imbeccato sulla destra e converge al centro, sterzando sul sinistro. Cross profondo sul secondo palo, dove arriva Pasalic che, contrastato male da Rispoli, spedisce in rete. Poco dopo lo stesso Pasalic rimedia un giallo pesante che, da diffidato, gli farà saltare il derby con l'Inter ma per il Milan la festa continua. Praticamente senza opposizione la squadra di casa che al 36' fa tris: ancora Suso scarica per Calabria, sulla fascia destra. Cross di prima intenzione, Bacca in area impatta di testa e batte ancora Fulignati per il suo 13esimo gol stagionale. Il portiere del Palermo si riscatta nel finale di tempo, quando evita il quarto gol intervenendo sullo scatenato Suso. La ripresa è senza storia: il Milan gigioneggia, diverte e si diverte ballando sui resti di un Palermo depresso. Per eccesso di sicurezza Bacca fallisce altre palle gol (la più clamorosa al 10' solo davanti alla porta) ma la goleada è comunque inevitabile. Il 4-0 lo firma al 26' Deulofeu che fa cinquanta metri di campo sulla fascia sinistra, rientra sul destro e calcia a giro, mettendo all'angolino sul secondo palo. Finisce col Palermo in 10 per l'espulsione di Gonzalez al secondo cartellino giallo e con la festa di San Siro.

I risultati
Sampdoria-Fiorentina 2-2 (giocata alle 12.30), Bologna-Roma 0-3, Cagliari-Torino 2-3, Crotone-Inter 2-1, Milan-Palermo 4-0, Udinese-Genoa 3-0. Lazio-Napoli h. 20.45.

La classifica
Juventus 77 punti; Roma 71; Napoli 64; Lazio 60; Atalanta 59; Milan 57; Inter 55; Fiorentina 52; Sampdoria 45; Torino 44; Udinese 40; Chievo 38; Cagliari 35; Bologna 34; Sassuolo 32; Genoa 29; Empoli 23; Crotone 20; Palermo 15; Pescara 14. 

Lazio e Napoli con una partita in meno.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lippolino

    09 Aprile 2017 - 21:09

    Nella mia inter che sprofonda nessuno osa toccare il principale responsabile del fallimento : ausilio Ha fatto spendere 120 milioni e ha preso dei mediocri ( che si ostina a definire campioni senza nerbo ) No sono solo dei mediocri ! ( medel Murillo ansaldi kondogbia nagatomo santon etc ) sono giocatori mediocri Li ha presi lui E ' invompetente ! Il primo da cambiare come era incapace branca A parte marotta, che non si muove , c è Sabatini uscito dalla Roma che ha dimostrato di capire di calcio e con pochi soldi ha messo su una grande Roma Non all altezza della Juve , ma con mezzi economici limitati che poteva fare ? Ausilio e ' una brava persona Ma incompetente Guardate le squadre messe su da lui in tre anni 6/4/7 posto ? Tutti mettono in discussione gli allenatori ma ci sarà un motivo per cui tutti falliscono Non viene in mente a nessuno che ha preso tanti mediocri che lui spaccia per grandi giocatori Liberiamocene il più presto possibile Ha fatto solo danni Suning e ' paziente ma i cinesi sono attenti e capiscono Il manager che fallisce per 3 anni va a casa Ci vuole competenza . Lui non è competente di campagna acquisti Un fallimento dietro L altro La classifica alla fine non mente mai

    Report

    Rispondi

  • fbiasio

    09 Aprile 2017 - 19:07

    Poveri prescritti! A quando un'altra farsopoli?

    Report

    Rispondi

  • mariano

    09 Aprile 2017 - 18:06

    Ma è tornato Moratti per utilizzare i bidoni della sua squadra?

    Report

    Rispondi

media