Cerca

Dinastia a spicchi

Nba, titolo a Miami: LeBron James stende San Antonio 95-88 in gara-7

Atto finale di una serie equilibratissima conclusa 4-3. I vecchi Duncan e Ginobili non bastano agli Spurs, il Prescelto devastante (37 punti)

Nba, titolo a Miami: LeBron James stende San Antonio 95-88 in gara-7

La festa è di nuovo a Miami. Per il secondo anno consecutivo gli Heat vincono il campionato Nba, battendo al termine di una serie equilibratissima e spettacolare i San Antonio Spurs: nella decisiva gara-7, LeBron James (Mvp delle finali come l’anno scorso) e compagni vincono sul proprio parquet per 95-88 e così l'Anello rimane in Florida. Assieme al Prescelto (37 punti finali), l'eroe della serata è, a sorpresa, Shane Battier, letale dall'arco con sei triple a segno. 

Duncan e Ginobili non bastano - A differenza dell'incredibile gara-6 decisa negli ultimissimi secondi, gara-7 ha regalato emozioni meno clamorose. Se James e Wade avevano già ottenuto un bottino importante (rispettivamente 15 e 14 punti), gli Spurs erano riusciti almeno fino all’intervallo lungo, chiuso 46-44 per i padroni di casa, a rimanere in contatto grazie al duo Duncan-Leonard (15 punti e altrettanti rimbalzi). Qualche difficoltà per Tony Parker, frenato da un finale 3/12 dal campo condizionato dall’infortunio muscolare che si è portato dietro nelle ultime tre partite. Il vecchio Duncan, affaticato, ha chiuso con 24 punti, altra gran partita (forse l’ultima in carriera) di Manu Ginobili, un fattore con 18 punti, 5 assist e 3 rimbalzi. Non è bastato. Battier, con i suoi 18 punti frutto di sei triple ha cancellato la serataccia di Chris Bosh, zero punti (0/5) in 27' giocati. Gli Spurs ci hanno provato fino all'inizio dell'ultimo quarto, dove si sono portati avanti per 65-64. 

La sentenza di LeBron James - Un tiro da tre di Mario Chalmers a inizio di quarta frazione ha regalato a Miami un vantaggio che la squadra di Spoelstra non ha più mollato, con i texani a forzare tiri e sprecare sotto canestro (Duncan compreso, sbaglia la possibile palla dell’aggancio) ma capaci comunque di restare in gioco fino a 27" dalla fine, quando James ha piazzato i colpi decisivi per regalare a Miami il terzo titolo Nba (il secondo consecutivo) dopo quelli del 2006 e del 2012. "Provo una sensazione magnifica. Questa squadra è fantastica. E l’idea che avevo quando ho deciso di venire qui è diventata realtà", ha detto James, mentre coach Popovych rende merito ai suoi: "Mi complimento con gli Heat per il secondo titolo consecutivo, per il resto, non posso che rendere onore ai miei giocatori: nessuno immaginava quest'annata, hanno mostrato un'enorme forza mentale e hanno praticato un gioco bellissimo che ci ha permesso di arrivare fin qui. Non posso che essere fiero di loro".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog