Cerca

Aperta l'inchiesta

Confederations, scandalo hot colpisce la Spagna: strip poker, alcol e un furto

Calciatori spagnoli derubati dopo una notte folle a base di donne, pagode e video hard. Fifa e delegazione negano ma il testimone assicura: "Hanno fatto baldoria"

Confederations, scandalo hot colpisce la Spagna: strip poker, alcol e un furto

Strip poker, sesso e giochi erotici. Ci sarebbe questo alla base dell'inchiesta che la polizia pernambucana ha aperto dopo i presunti furti, di qualche giorno fa a Recife,  a danno di alcuni giocatori spagnoli. Ombre e misteri su quest'edizione della Confederations Cup che fanno tremare le casacche rosse dei campioni europei. Il capo della Polizia, Luiz Andrey, ha già avviato gli interrogatori per trovare i responsabili che, introducendosi nell'albergo della nazionale, avrebbero sottratto denaro ai giocatori. Ventisette persone sono già state ascoltate ma ancora non è stato identificato alcun responsabile. Secondo quanto riferito da Tv Globo, e dal sito Globoesporte, però nella notte "incriminata" qualcosa di non detto sarebbe successo. Una serata di festeggiamenti hot a base di videotape hard e strip poker, finita poi con il furto.

Musica, alcol e donne - Le indiscrezioni parlano di un vero e proprio festino, consumatosi nella notte del 16 giugno scorso, dopo la vittoria sull'Uruguay. I giocatori spagnoli avrebbero ingaggiato un gruppo di pagode per rendere speciale la nottata di festeggiamenti. Oltre ai brindisi e alla musica però anche qualche ragazza che, dopo l'una di notte, si sarebbero appartata con alcuni giocatori e membri dello staff tecnico. Secondo quanto riferisce Globo, fonti due dipendenti dell'hotel dove soggiornano gli spagnoli, la festa a questo punto si sarebbe fatta più calda: giochi erotici, alcol e sesso. Al risveglio, oltre alle ragazze, erano spariti circa mille euro.

"E' vero, ma negheranno" -
A rendere veritiero il racconto la testimonianza, a Globoesporte, di un uomo che, dopo aver assistito alla scena, ha chiesto di poter restare anonimo: "Hanno fatto baldoria e poi sono saliti in camera con alcune ragazze. Sappiamo tutti che questo è accaduto, ma non se ne può parlare molto. Se davvero c'è stato il furto, è successo sicuramente in quei momenti, dopo che sono andati in camera. Ma ora certamente tutti negheranno". E infatti.. Nonostante il furto sia stato confermato dalla Fifa, i vertici del team spagnolo hanno negato ogni pettegolezzo ma si è comunque intuito che qualcosa di non detto c'era, come la presenza delle ragazze in hotel. Raul Jimenez, capo della delegazione spagnola, ha smentito l'accaduto così come Eduardo Barbosa, direttore dell'albergo ma, nell'ambiente, le voci sembrano già una certezza. Lo scandalo a luci rosse colpisce la Spagna a sole 48 ore dal prossimo incontro che li vedrà affrontare la nazionale italiana, a Fortaleza il 27 giugno. Che almeno porti fortuna...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog