Cerca

Confederations Cup

Conderations Cup, Italia battuta dalla Spagna ai rigori

Gli Azzurri meglio delle Furie rosse, soffrono solo negli ultimi 20 minuti. Poi il penalty di Bonucci sparato sopra la traversa ci nega la finale col Brasile

Conderations Cup, Italia battuta dalla Spagna ai rigori

Sarà la Spagna la finalista che affronterà il prossimo 30 giugno a Rio il Brasile nella finale di Confederations Cup. Si è deciso ai rigori il match di giovedì sera, a Fortaleza, contro gli Azzurri, sconfitti dal "disgraziato" dischetto, proprio come nei quarti di finale dell'Europeo 2008. L'Italia si giocherà dunque il terzo posto con l'Uruguay. Un peccato, per la squadra di Prandelli, che contro le Furie rosse "campioni di tutto" hanno giocato un grande match, soffrendo solo negli ultimi minuti del tempo supplementare. Le porte di Buffon e Casillas - nonostante tante ghiotte occasioni, tra cui i pali di Giaccherini e Xavi proprio nei supplementari - sono rimaste inviolate in 120' di gioco. Decisivo ai rigori l'errore al settimo tiro di Bonucci, che manda alto sopra la traversa, archiviando le possibilità azzurre di accedere alla finale.

I tempi regolamentari - Come detto, quella giocata dall'Italia nel complesso è stata una buona partita. La squadra ha tenuto testa ai campioni del mondo, soffrendo le incursioni iberiche soltanto negli ultimi 20'. Nel primo tempo, nonostante il tiki-taka iniziale degli spagnoli - in campo con Silva e Torres, senza Fabregas e Soldado - e le due sferzate in area di Pedro, che però non impensieriscono Buffon, la nostra nazionale mostra un buon gioco; manca però il gol, vuoi per imprecisioni - come quelle di Marchisio e De Rossi -, vuoi per le grandi parate dell'attento Casillas, decisivo in due occasioni contro il colpo di testa di Maggio. Precisi gli inserimenti di De Rossi e abile la prestazione di Gilardino, il vice-Balotelli, che si muove tanto giocando soprattutto di sponda, ma, quando arriva a concludere (al 15', in anticipo su Pique'), non inquadra il bersaglio grosso. 

Poca precisione - Dietro, la rispolverata difesa a tre di Prandelli tutta bianconera (Barzagli-Bonucci-Chiellini), la nazionale corre un solo rischio: al 37' Torres riceve palla da Xavi, si libera di Barzagli - che cederà nell'intervallo il posto a Montolivo, con arretramento del romanista Daniele De Rossi - e col sinistro non trova l'angolo della porta protetta da Casillas da posizione favorevole. Fondamentale sempre l'asse Maggio-Candreva. In contropiede la nazionale spagnola con Pedro prova a sopraffare Buffon, ma manca di precisione. Al 40' gli iberici si rendono pericolosi: Torres va via a Montolivo e Chiellini, serve Navas che punta in mezzo per l'avanzatissimo Pique' che spreca malamente dal cuore dell'area. L'ultimo sussulto è ancora "rosso": punizione di Xavi, deviazione di Chiellini che toglie il pallone dalla testa di Torres. 

Tempi supplementari - Squadre negli spogliatoi al 90' ancora sullo 0-0. Nei due tempi supplementari, l'occasione più importante si colora del tricolore: Candreva per Giovinco,che non ci arriva, e il pallone arriva a Giaccherini, sinistro di prima e palo pieno. La Spagna inizia ad accelerare, mentre l'Italia sembra stanca: Pique' e Jordi Alba fanno tremare l'estremo difensore azzurro. Lo 0-0 resta anche quando, al 115', Xavi spara col destro: palo.

Rigori - 7-6 e la Spagna si aggiudica il match. Segnano Candreva (cucchiaio), Aquilani, De Rossi, Giovinco e Pirlo per l'Italia; la nazionale iberica replica con Xavi, Iniesta, Pique', Ramos. Al settimo dischetto, Bonucci sbaglia clamorosamente e manda alto sopra la traversa. Al suo posto, lo spagnolo Mata centra la rete e beffa Buffon, volando in finale.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    28 Giugno 2013 - 15:03

    non abbiamo portato a casa la vittoria, ma è stato il trionfo della scuola calcistica italiana. C'eravamo piazzati davanti la TV sbuffando, "mo ce tocca sorbirci sto palleggio spagnolo", invece i ns. giocatori lo hanno annientato con un gioco diverso ed entusiasmante. BRAVI.

    Report

    Rispondi

  • RANMA

    28 Giugno 2013 - 12:12

    questa partita,già sapevo come sarebbe finita,siamo un popolo di pallonari ma di gol ne sbagliamo sempre uno di troppo.Siamo un popolo di sfigati a noi non ne va bene una,mai che riusciamo a fercela,sopravviviamo ah questo si,siamo maestri nella sopravvivenza.

    Report

    Rispondi

  • campusvolley

    28 Giugno 2013 - 12:12

    ma il nostro portierone non perde mai il vizietto di respingere corto sui piedini degli avversari ? QUALCUNO LO INFORMI CHE NON SI FA COSI

    Report

    Rispondi

  • arwen

    28 Giugno 2013 - 11:11

    Cuore, intelligenza e tanti polmoni. L'Italia ha preso il toro per le corna, lo ha distratto, disorientato mentre i piccadores continuavano ad infiacchire la bestia ed i banderilleros la tenevano lontana dalla porta di Buffon. Peccato che tutto questo sforzo sia stato inutile, allo spettacolo, purtroppo, è mancato il protagonista, torero, il matador, quello capace di dare la stoccata finale.....

    Report

    Rispondi

blog