Cerca

Orrore alla partita

Brasile, arbitro uccide giocatore.
I tifosi lo squartano e lo decapitano

Nello stato del Maranhao Octavio da Silva Cantanhede, 20 anni, accoltella un calciatore. Folle e sanguinosa vendetta del pubblico

Octavio ​​Cantanhede

Octavio ​​Cantanhede

Un orrore e una violenza simili non si sono mai visti in un campo da calcio. Domenica scorsa, una partita nel Maranhao, in Brasile, si è conclusa con l'omicidio di un calciatore e lo sgozzamento e la decapitazione dell'arbitro. Secondo la ricostruzione della polizia, tutto è iniziato quando l'arbitro Octavio da Silva Cantanhede Giordano, 20 anni, ha mostrato il cartellino rosso a Josemir Santos Abreu, di 30. A quel punto il calciatore, furibondo ha mandato a quel paese e ha tirato un calcio all'arbitro che ha tirato fuori un coltello e lo ha pugnalato al petto uccidendolo. 


 


Qualche istante dopo, una parte della folla è scesa in campo e ha legato, picchiato, lapidato e poi squartato Octavio ​​Cantanhede. E infine ha appeso la testa dell'arbitro ad un palo. Il linciaggio è stato ripreso da molti cellulari ed è finito sui social network. Un uomo è già stato arrestato mentre altre due persone, già identificate, sono al momento ricercate dalla polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    08 Luglio 2013 - 16:04

    Gli stati multirazziali, paradisi terrestri

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    08 Luglio 2013 - 13:01

    perché Silvio non vuol fare l'arbitro - ma il padrone - delle larghe intese

    Report

    Rispondi

  • antoniofasano

    07 Luglio 2013 - 11:11

    il problema è berlusconi. A prescindere!

    Report

    Rispondi

  • Spark70

    07 Luglio 2013 - 10:10

    È chiaramente falsa notizia......la solita leggenda web

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog