Cerca

Kakà è del Real Madrid

Pato-Chelsea, il Milan trema

Kakà è del Real Madrid
Mancava solo l'annuncio ufficiale. Ed è arrivato. A darlo, poco dopo la mezzanotte, è stato lo stesso presidente del Real Madrid, Florentino Perez, prima attraverso i siti on line dei quotidiani as e Marca, quindi tramite quello del Real Madrid: Kakà ora è ufficialmente un giocatore delle merengues. "E lo sarà per sei stagioni", ha annunciato Perez. Il calciatore brasiliano è stato ceduto per una cifra di 65 milioni di euro e ha firmato un contratto da 9 milioni netti a stagione. In una conferenza stampa in Brasile Kakà ha pronunciato le sue prime parole da giocatore del Real. "Auguro al Milan di vincere lo scudetto. E anche tutto il resto.... No, tutto, tutto no. La Champions proverò a vincerla con il Real Madrid". Commosso, ribadisce il suo affetto al pubblico rossonero: "So che i tifosi rossoneri sono tristi. Loro piangono, io piango. Al Milan devo tutto. Mi ha portato in Europa, mi ha costruito intorno un progetto calcistico e mi ha aiutato a diventare il numero uno al mondo. Con il Milan ho conquistato il pallone d’Oro. Con la società rossonera finisce un rapporto professionale ma continua un rapporto sentimentale".

E Pato? - Alexandre Pato potrebbe essere la prossima pedina pregiata del mercato a lasciare il Milan. Il giovane attaccante brasiliano, classe ’89, infatti era molto legato ad Ancelotti che ora è al Chelsea, una squadra che si è già detta disposta a spendere una cifra importante per il talentino. Il procuratore di Pato ha precisato che l’ultima parola sull’eventuale trasferimento del giovane brasiliano spetta comunque alla società milanista. A tranquillizzare i tifosi, già scossi dall’addio di Kakà, è intervenuto Silvio Berlusconi che alla domanda se Pato fosse in partenza ha risposto categorico: “Assolutamente no”.
Nel frattempo il Milan si sta muovendo sul mercato: Edin Dzeko ventitreenne centravanti bosniaco nato nei dintorni di Sarajevo che ha attirato i migliori club d’Europa in forza al Wolfsburg. La trattativa per il Milan dovrebbe essere più semnplice che per le altre squadre in gara perché il giovane attaccante ha già chiarito che è da sempre un tifoso rossonero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kumachan

    09 Giugno 2009 - 16:04

    Perché per 150 milioni sarebbe stupido non venderlo per comprarsi mezzo Manchester :)

    Report

    Rispondi

  • marclands

    09 Giugno 2009 - 12:12

    Il cav. è stato capace anche di prendere in giro i tifosi per recuperare dei voti! L'affare Kakà era già scritto da giorni e lui ha cercato in tutti i modi di raccontare la sua versione nonostante si erà già deciso tutto! Il Milan è una della squadre più forti del mondo ma vedendo le partenze sicure ci sarà da lavorare e il presidente onorario dovrà decidere se lasciar lavorare il suo staff o pensare anche a questo visto che le scelte e le strategie sono anche sue in gran parte! cavaliere si ricordi che ha l'Italia da raddrizzare e ora anche l'Europa!

    Report

    Rispondi

blog