Cerca

Calcio razzista

Materazzi attacca ancora Balo:
"Un vero uomo ignora i buu"

L'ex difensore dell'Inter, protagonista ai tempi di una rissa con Supermario in spogliatoio: "Quando lo offendono, deve caricarsi"

Materazzi attacca ancora Balo:
"Un vero uomo ignora i buu"

L’anagramma del suo nome è esplicito: «E amo ct Mazzarri». Marco Materazzi, 40 anni appena compiuti, intervenendo ad Andria per ricevere il premio Mediterraneo, parla del suo passato da calciatore, del suo presente da imprenditore e del suo futuro da allenatore. 

Marco, ha appena conseguito a Coverciano il titolo di allenatore di Prima Categoria. Cosa farà "da grande"?

"Per ora gestisco un negozio di abbigliamento sportivo a Milano. Quanto alla carriera di allenatore, siamo in tanti sulla piazza. Inoltre aumentano sempre di più i presidenti fumantini. E io non sono tipo da farmi esonerare dopo due settimane".

Parliamo dell’Inter di Mazzarri. Secondo lei è una squadra competitiva per arrivare al vertice?

"L’Inter può colmare il gap con le due squadre più forti, Juve e Napoli, grazie al fatto di non giocare in Europa. A livello di organico mi sembra però ancora inferiore, anche se ha acquistato i due giovani più interessanti sul mercato italiano, Belfodil e Icardi".

Lei, in passato, è stato accusato di aver rivolto offese razziste sia a Zidane - accusa infondata - che al coreano Ahn. Secondo lei, chi vede razzismo ovunque è vittima di un delirio di persecuzione?

"Io penso che chi insultava Materazzi ieri e insulta Balotelli oggi abbia soltanto paura dell’avversario. Credo inoltre che i cori razzisti non si differenzino molto dal dare del “figlio di puttana” a un calciatore. Quanto ad Ahn, se uno mangia aglio come fossero mele, come faceva lui, e tu gli dici “guarda, amico, ti puzza il fiato”, non è certo un’offesa razzista. Lui ha tirato fuori questa storia solo per cercare un po’di visibilità. Nessuno infatti si ricordava di lui, nemmeno in Corea".

Cosa consiglieresti a Balotelli e Boateng, che minacciano di andare negli spogliatoi non appena vengono insultati?

"Direi loro di caricarsi, ogniqualvolta vengono offesi. E poi non è mai successo che, per degli insulti, un calciatore lasci la sua squadra in dieci durante un match importante. In occasione di un Barcellona-Milan, ad esempio, sono sicuro che Boateng non farebbe neppure caso ai 'buuu' razzisti".

Leggi l'intervista completa di Gianluca Veneziani

su Libero in edicola giovedì 29 agosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog