Cerca

Calcio

Balotelli, il Milan pensa allo psicologo

Dopo l'ennesima mattana e l'ennesima squalifica, in via Turati si pensa di affidare Supermario a un 'tutor'

Balotelli, il Milan pensa allo psicologo

Il trend è preoccupante. Perchè se è vero che Mario Balotelli e i cartellini gialli sono andati di pari passo fin dall'inizio della carriera calcistica di Supermario, 5 gialli e un rosso dopo quattro giornate di campionato rappresentano un record anche per lui. Oltrettutto, l'uno-due rifilatogli dall'arbitro Banti domenica sera al termine di Milan-Napoli è costato all'attaccante rossonero ben tre giornate di squalifica, cosa che gli impedirà (in attesa del ricorso della società di via Turati) di giocare la difficilissima sfida previstra tra un paio di settimane a Torino con la Juventus. 

In totale, in sei stagioni al massimo livello giocati tra Serie A (Inter e Milan) e Premier league inglese (Manchester City), Balotelli si è beccato 60 cartellini gialli e 6 rossi, per un totale di 24 giornate di squalifica (pari a un girone e mezzo di camionato fuori per squalifica). Qualcosa bisogna fare. E la misura estrema potrebbe essere quella dello psicologo. Le squadre degli Allievi e della Primavera del Milan hanno infatti a disposizione un 'tutor' che si occupa degli aspetti comportamentali dei ragazzi. E visto che Balotelli continua a dimostrare una maturità non superiore a quella di un brufoloso sedicenne con turbe adolescenziali, manie di persecuzione e una tendenza preoccupante alla rissa, non è escluso che venga individuata una figura analoga anche per lui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • anselmorufus

    28 Settembre 2013 - 21:09

    E' così che rovinano bambini e adulti, mandandoli dallo psicologo o peggio dallo psichiatra! Ci andassero loro, così si rimbecilliscono del tutto!

    Report

    Rispondi

  • KING KONG

    25 Settembre 2013 - 10:10

    la mamma degli imbecilli è sempre gravida

    Report

    Rispondi

  • Beppe.demilio

    25 Settembre 2013 - 06:06

    Perché uno che guadagna miliardi deve fare ciò che vuole senza rendere conto del suo comportamento al datore di lavoro? Prima fa l'offeso a ogni battuta o parole cretine in campo. Poi fa il prepotente e si fa squalificare per comportamento scorretto. In qualsiasi azienda seria se un dipendente combina cazzate ne paga le conseguenze , Balotelli NO! Viziato e maleducato ! Coccolato da fare schifo! Uno che guadagna miliardi come lui dovrebbe essere felice anche quando lo insultano ,invece ha sempre atteggiamenti di scontro con tutti . La cura per Balotelli è di mandarlo in fonderia o in miniera per vedere come vivono queste persone ,sperando che capisca la differenza tra la sua vita e quella di chi sgobba. La finisca di rompere le balle e pensi a comportarsi da persona civile per se e per l'azienda che rappresenta . Se vuole guadagnare miliardi rompendo le balle abbia almeno il buongusto di avere più rispetto del pubblico che va alla partita per vedere un calciatore serio e non un bambino

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    25 Settembre 2013 - 00:12

    e per curare quale psiche? Ma rimandatelo in Africa 'sto pallone gonfiato...vogliamo squadre italiane formate da italiani veri, non da balordi multietnici.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog