Cerca

sport

Tavecchio non si dimette, via Ventura

15 Novembre 2017

0
Tavecchio non si dimette, via Ventura

Roma, 15 nov. (AdnKronos) - "Dimissioni di Tavecchio? Noi pensiamo che non si possa non ripartire dalle elezioni. Tavecchio ha comunicato che non si dimette. Ci sarà forse a breve un consiglio federale per prendere una decisione". Sono le parole del presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, uscito anzitempo dalla riunione in Figc delle componenti federali dopo la mancata qualificazione dell'Italia al Mondiale.

Al termine della riunione, attraverso una nota il presidente federale ha ufficializzato che Gian Piero Ventura non è più il commissario tecnico della Nazionale.

"Fiducia in Tavecchio? Fiducia nel programma, ma ora cerchiamo di capire la situazione", ha detto Renzo Ulivieri, presidente dell'Associazione italiana allenatori all'ingresso nella sede della Figc. "Non qualificarsi costituisce un problema non siamo stupidi da non capire. Abbiamo problemi tecnici, i nostri ragazzi giocano poco -ha aggiunto Ulivieri-. Colpevole solo Ventura? Nessuno ha mai detto questo, di fronte a un risultato di questo genere il nostro sistema si deve mettere in discussione. Se mi sarei dimesso da ct? Consiglio di non dare le dimissioni a caldo, perché dopo si ci confronta e si parla. C'è una prassi e derogare da questo percorso mi sembra sbagliato".

"Chiedere le dimissioni non è nelle nostre prerogative, è un fatto soggettivo, decide lui. A Tavecchio chiediamo di indicare un nuovo orizzonte; se è in grado di indicarlo correttamente, rivoluzionando questo sistema, non è un problema di Tavecchio", ha detto invece il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina. "Credo sia un problema di tutti avere la capacità di disegnare un progetto che sia sportivamente ed economicamente sostenibile, e che renda questo calcio moderno e innovativo", ha aggiunto Gravina. "Sono preoccupato dei problemi, non sono preoccupato di Tavecchio. Sono preoccupato del fatto che l'Italia dopo 60 anni e' fuori dal mondiale e mi devo preoccupare che questi fatto negativo origini una vera e propria rivoluzione del calcio italiano".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media