Cerca

sport

Totti: "Roma forte, fra candidate scudetto"

Calcio

28 Dicembre 2017

0
Totti: "Roma forte, fra candidate scudetto"

Dubai, 28 dic. (AdnKronos) - "La Roma è una candidata per vincere lo scudetto, è tra le tre o quattro squadre che possono realmente arrivare a contendersi il titolo". Lo dice Francesco Totti ai microfoni di Sky da Dubai, dove stasera andrà in scena il gala del Globe Soccer che lo vede fra i premiati. "La Roma è una squadra competitiva e forte, ma questo è un campionato diverso da quello precedente, con tre o quattro squadre fortissime che cercano di fare il massimo dei punti", dice l'ex capitano giallorosso, oggi dirigente nel club capitolino.

"Vincere lo scudetto a Roma è più difficile? Purtroppo sì, le statistiche dicono questo", risponde Totti. "Uno scudetto a Roma vale dieci in altre parti d'Italia, ma queste -precisa- sono chiacchiere leggendarie. Speriamo che questa Roma possa crescere e migliorare sotto tutti i punti di vista".

Daniele De Rossi ha detto di sentire la mancanza del Totti calciatore: "Gli manco perché ero vicino a lui sul pullman per andare allo stadio -sorride l'ex numero 10 della Roma-. Forse gli mancano le chiacchierate o gli scherzi, ma come lo facevo vincere io lo faceva anche lui o il resto della squadra, anche se poi insieme non abbiamo vinto tantissimo".

Quanto a un suo futuro come allenatore, risponde: "Vedremo, ora no, deve scattarti qualcosa nella testa. In futuro ci rifletterò. Il calcio di oggi è cambiato, il business ora la fa da padrone. preferivo il calcio di prima". "In altri tempi si pensava di più a far crescere i ragazzi. Gli aspetti più romantici sono la fedeltà e l’appartenenza, non il marketing - prosegue Totti -. Certe cifre del mercato sono fuori dalla realtà. In Italia dal punto di vista internazionale ci sono Milan e Inter che sono le squadre più blasonate. Poi Real Madrid, Barcellona, Manchester, sono più strutturate economicamente".

Intanto l'ex capitano giallorosso si gode i primi passi da calciatore di suo figlio Cristian, sceso in campo nel match perso dagli Under 12 della Roma contro i pari età del Barcellona nella Liga Promises: "La partita non è andata molto bene, ma a dir la verità è la prima volta che lo guardo dal computer e un po' mi ha emozionato". "In certi momenti mi sono rivisto io quando ero piccolo, ho ripercorso tutto il percorso giovanile che ho fatto io. Mi ha veramente emozionato, ma speriamo non senta queste parole perché a lui dico tutto il contrario di quello che penso. Sta facendo questa esperienza e si diverte, poi se è una cosa che andrà per le lunghe sarò fiero di lui altrimenti -conclude- farà altro".

Infine una battuta su chi sia il migliore del mondo tra Messi e Ronaldo. "Messi, ma non ditelo a Cristiano Ronaldo e Neymar". E sulla Roma conclude. "La cessione di Salah ha accontentato tutti, è uno dei più grandi".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media