Cerca

sport

Laureus World Sports Awards, anche Valentino Rossi tra i candidati

16 Gennaio 2018

0
Laureus World Sports Awards, anche Valentino Rossi tra i candidati

Montecarlo, 16 gen. (AdnKronos) - C’è anche Valentino Rossi tra i candidati ai Laureus World Sports Awards 2018, gli Oscar dello sport, che si terranno a Montecarlo il prossimo 27 febbraio. Il nome del 'Dottore' figura infatti tra quelli candidati a vincere la statuetta nella categoria 'Comeback of the Year' (Ritorno dell’anno). Proprio oggi, infatti, sono stati annunciati ufficialmente tutti i nomi dei candidati, scelti in seguito alla votazione effettuata dai rappresentanti dei media a livello internazionale.

Valentino Rossi è stato candidato per il fulmineo recupero dall’infortunio dello scorso anno. Dopo aver rimediato la frattura scomposta di tibia e perone mentre guidava una moto da enduro lo scorso 31 agosto, il centauro di Tavullia è tornato in sella 25 giorni dopo, presentandosi al via del Gran Premio di Aragon, in cui ha ottenuto un prodigioso quinto posto.

Il mattatore assoluto di questa edizione è però Roger Federer, capace lo scorso anno di vincere il suo quinto Australian Open e l'ottavo titolo a Wimbledon. Successi che gli hanno permesso di ottenere le nomination sia al Laureus World Sportsman of the Year che al Laureus World Comeback of the Year. Federer, che ha all'attivo già quattro statuette, potrebbe diventare lo sportivo più premiato di sempre.

Anche il mondo del calcio vanta una presenza importante con Cristiano Ronaldo in lizza per il Laureus World Sportsman of the Year, la squadra del Real Madrid candidata al Laureus World Team of the Year, Kylian Mbappé che mira al Laureus World Breakthrough of the Year e il Barcellona e il Chapecoense, entrambi candidati per il Laureus World Comeback of the Year Award.

A Federer e Ronaldo si uniscono per aggiudicarsi il contesissimo Laureus World Sportsman of the Year campioni mondiali di atletica del tenore di Mo Farah, che ha vinto l'oro nei 10.000 metri e l'argento nei 5.000 metri, Chris Froome quattro volte vincitore del Tour de France, Lewis Hamilton quattro volte campione mondiale di Formula 1 e il campione dei French e degli US Open Rafael Nadal.

Nella categoria Laureus World Sportswoman of the Year la campionessa di Wimbledon Garbiñe Muguruza e la tre volte campionessa mondiale negli 800m Caster Semenya si uniscono al quartetto tutto americano composto da Serena Williams, campionessa dell'Austrial Open, Allyson Felix, medagliata 16 volte in occasione di campionati mondiali di atletica, Katie Ledecky, nuova rivelazione del nuoto a soli 19 anni e Mikaela Shiffrin, campionessa mondiale di Coppa del Mondo di sci.

I sei candidati per la categoria Laureus World Team of the Year rappresentano un'ampia varietà di discipline sportive: dal Team francese di Coppa Davis ai Golden State Warriors, campioni Nba; dal team Mercedes-AMG Petronas, campione di Formula Uno, ai New England Patriots, campioni Nfl in carica, per finire con il Team neozelandese dell'America’s Cup per la vela e il Real Madrid, che si è aggiudicato la Champions League.

Dopo un anno stellare sul ring in cui ha unificato i titoli Wba, Ibo e Ibf dei pesi massimi, il pugile Anthony Joshua è candidato al titolo Laureus World Breakthrough of the Year. Joshua è in compagnia di altri candidati di primo piano, come la star del calcio francese Kylian Mbappé, la campionessa del French Open Jelena Ostapenko, il golfista spagnolo Sergio Garcia, il cestista greco Giannis Antetokounmpo e la star del nuoto americano Caeleb Dressel.

A seguito di una clamorosa rimonta con un 6-1 in Champions League contro il Paris St Germain, il Barcellona è in lizza per il Laureus World Comeback of the Year. A seguito di un impressionante recupero dopo gli incidenti subiti, Roger Federer, la star italiana del MotoGP Valentino Rossi e la campionessa dei 100 m a ostacoli Sally Pearson sono tra i finalisti insieme a Justin Gatlin, campione centrometrista, e a Alan Ruschel, calciatore della squadra brasiliana della Chapecoense, tornato incredibilmente in campo dopo il tragico incidente aereo subito dalla sua squadra.

Un gruppo dei migliori para-atleti del 2017 va a costituire la rosa dei candidati per la categoria Laureus World Sportsperson of the Year with a Disability. Marcel Hug, che si è aggiudicato tre titoli mondiali e cinque maratone importanti è in compagnia della tennista in sedia a rotelle Yui Kamiji, tre volte vincitrice di un Grande Slam, a Oksana Masters, quattro volte campionessa mondiale di sci di fondo, a Bibian Mentel-Spee, snowboardista sopravvissuta al cancro, al campione mondiale di Ironman paralimpico Jetze Plat e a Markus Rehm, campione mondiale di salto in lungo T44.

I campioni mondiali di surf Tyler Wright e John Florence guidano il gruppo di candidati al Laureus World Action Sportsperson of the Year. In lizza troviamo anche gli snowboardisti Anna Gasser e Mark McMorris, lo skateboarder Nyjah Huston e il velista francese Armel Le Cléac'h, che ha stabilito un nuovo record di 74 giorni per il completamento del Vendée Globe, la regata in solitario attorno al mondo senza possibilità di attracco.

Per la categoria Laureus Best Sporting Moment of the Year in lizza cinque momenti commoventi ed emozionanti che vanno oltre i punteggi e i risultati, mettendo in evidenza il vero valore dello spor I cinque momenti sono stati selezionati tramite cinque votazioni mensili effettuati online in tutto il mondo. Alla fine la scelta è ricaduta sugli Iowa Hawkeyes con il loro commovente saluto ai piccoli fan con la "Kinnick Wave", Bradley Lowery, piccolo fan di calcio di sei anni che ha creato un legame speciale con il suo migliore amico, l’attaccante inglese Jermain Defoe, Kimi Raikkonen con il suo piccolo fan di sei anni Thomas Danel, il team brasiliano di calcio della Chapecoense e Billy Monger, diciottenne pilota di moto, fonte di grande ispirazione. I voti possono essere ancora espressi attraverso il sito web myLaureus.com fino al 26 febbraio. Il vincitore sarà annunciato sul palco durante la cerimonia di premiazione di Montecarlo.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media