Cerca

F1, Mosley iscrive la Ferrari

Maranello: ma non gareggiamo

F1, Mosley iscrive la Ferrari
La Ferrari si è iscritta al Mondiale 2010. Già, ma non lo sapeva. è stata infatti un'iniziativa della Fia che ha incluso il nome della casa di Maranello nella lista dei team iscritti senza condizionial prossimo mondiale . Un comunicato della Ferrari ha però precisato che vista la decisione della Fia, le auto del cavallino non correrrano nei prossimi Gp. la proposta ddel tetto massimo di spesa a 45 milioni crea ancora molti problemi: nemmeno l'opzione di un graduale abbassamento dei budget, 110 milioni nel 2010 e 45 nel 2011, a disposizione dei team non è bastato a trovare un accordo tra Max Mosley e le scuderie ribelli. Con il Cavallino risultano iscritte senza condizioni Red Bull, Williams e Force India. L'unica a reagire però per ora è stata la Ferrari. Le 3 nuove squadre ammesse sono Manor Grand Prix, Campos Grand Prix e US F1. Sono iscritte con riserva McLaren-Mercedes, Bmw Sauber, Renault, Toyota e Brawn GP. «Queste 5 squadre -rende noto la Fia- hanno presentato iscrizioni con riserva. La Fia le ha invitate a cancellare le condizioni poste dopo i colloqui che dovranno terminare entro venerdì 19 giugno»

La contromossa della Fia - “Iscrivetevi senza condizioni al Mondiale 2010 e faremo insieme le regole per la nuova F1?, aveva dichiarato alcuni giorni fa Max Mosley dà l’illusione di essersi arreso e tenta di convincere i team a mettere da parte l’atteggiamento ostile avuto fino ad ora. Ricordiamo che i membri della FOTA hanno chiesto l’annullamento di tutte le norme volute dalla FIA per il 2010, budget cap in testa, e la ridefinizione delle stesse in modo attivo partendo come base dal regolamento 2009. L’idea di Mad Max è, invece, quella di far iscrivere le squadre facendo accettare la sua legge e dando poi l’illusione (o la certezza, qui sta il nocciolo del problema) che si possano effettuare le volute modifiche.
Patto della concordia - Altra richiesta della FOTA era quella di avere un nuovo Patto della Concordia. Su questo secondo tema Mosley è stato categorico spiegando che per firmare il Patto c’è bisogno dell’accordo unanime di tutte le squadre e che, non conoscendo i nomi dei partecipanti fino al prossimo venerdì 12 giugno, è impossibile che si possa intavolare alcuna trattativa. Sempre a proposito di team iscritti, il Presidente della FIA ha già fatto intendere quanto da molti sospettato e cioè che, degli 8 ribelli, almeno un paio non saranno presenti nella sua lista iscritti. Tanto per aggiungere ulteriore scompiglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    12 Giugno 2009 - 16:04

    suo padre :)

    Report

    Rispondi

  • allengiuliano

    12 Giugno 2009 - 14:02

    Questa "personcina", dovrebbe farsi da parte, dopo tutte le cazzate che ha fatto in Formula Uno. Togliersi dalle "bools" è il minimo che possa fare. O si crede "Dio"? E' come voler fare le cose con i soldini degli altri, certo è che lui di soldi nè ha fatti con le case automobilistiche, credo senza far niente!!! Si compri un frustino nuovo e si tolga dai.c.......!

    Report

    Rispondi

blog