Cerca

Girandola

Scambio Gonzalo Higuain-Mauro Icardi, Luciano Moggi: perché ci guadagna soltanto Wanda Nara

7 Giugno 2018

1
Mauro Icardi

In archivio le competizioni nazionali, fra una settima partono i Mondiali di Russia. A noi italiani non resterà che guardare e pensare a tempi migliori. In seno alla Figc si è pensato intanto alla riorganizzazione del movimento e l’arrivo del nuovo ct Roberto Mancini ci sembra azzeccato. Il suo passato da giocatore, e quello da allenatore, lo rendono carismatico consentendogli di essere credibile. E per un gruppo di giovani, come è attualmente il nostro, poter scendere in campo, osservando le sue direttive, sarà nel futuro sinonimo di tranquillità e certezza di avere le spalle coperte.

Le tre amichevoli disputate non sono state molto incoraggianti, si è intravisto qualcosa di nuovo, certa la voglia di svoltare rispetto al passato, anche se al momento il Mancio è come un uomo con un’arma però senza le munizioni. D’altra parte è questa la situazione del nostro calcio, essere stati eliminati dalla Svezia ne è la conferma.

STRATEGIE DEI CLUB
Ai tifosi italiani non resta che inebriarsi per la gran mole di notizie che ogni giorno arrivano dai social sul calcio mercato, già in fermento. E sognare non è difficile, ovviamente ognuno per la propria squadra del cuore. È infatti questo il periodo in cui i media fanno a gara a raccontarle, passando in rivista le necessità delle varie squadre, cercando di azzeccarne qualcuna più di altri per poter poi affermare: «Noi l’avevamo detto». E per infiammare gli animi non potevano mancare notizie eclatanti di trasferimenti che non andranno mai a buon fine. Ma utili per alimentare la fantasia dei calciofili.

Tra queste le più eccitanti: la trattativa tra Juve e Inter per lo scambio Icardi con Higuain e conguaglio, le dimissioni di Zidane dal Real Madrid collegate immediatamente con la possibilità di vedere Zinedine sulla panchina della Juve e Allegri in quella del Real. Devo dire che all’epoca in cui dirigevo la Juve mi piaceva cavalcare le notizie che ritenevo prive di fondamento, addirittura alimentandole, per poter poi fare altre cose in tranquillità. Da giornalista non posso esimermi dal dire che nessuna delle due situazioni andrà a buon fine e ne spiego anche i motivi per cui non hanno possibilità di riuscita.

Per chi non lo sapesse Zidane da tempo aveva in mente di dimettersi se avesse vinto la terza Champions, e cosi ha fatto. Riteneva di non poter fare di meglio con questo Real, afflitto da grossi problemi riguardanti Ronaldo e Bale. Il primo che chiede a Perez il prolungamento di contratto con sostanziale aumento incontrando l’opposizione del presidente; il secondo in lite continua fin dall’inizio del campionato proprio con Zidane, al quale ha sempre manifestato la volontà di andarsene. Queste le principali ragioni che hanno portato Zinedine lontano da Florentino, che non hanno niente a che vedere con la Juve che nel frattempo vinceva campionato e Coppa Italia. Dove tra l’altro Massimiliano Allegri, ancor prima della finale di Coppa, era già operativo per il rafforzamento.

SOLDI E... NAINGGOLAN
Per quanto concerne poi il tanto strombazzato scambio Higuain-Icardi e conguaglio, mi sento di dire che è roba soltanto per stuzzicare le due tifoserie notevolmente rivali. E magari può darsi (sicuramente) che Wanda Nara, procuratrice e moglie di Icardi, abbia messo in giro la notizia per poter avere dall’Inter più soldi e prolungamento del contratto.

Senza entrare nel merito delle caratteristiche tecniche dei singoli si può tranquillamente affermare che, se venisse fatto uno scambio del genere vorrebbe significare che la Juve andrebbe in aiuto all’Inter. Darebbe infatti ai nerazzurri un campione come Gonzalo, solo perché più vecchio di Icardi, e 50 milioni con i quali Ausilio potrebbe prendere Nainggolan dalla Roma, rinforzandosi notevolmente a centrocampo.

Per cui, se la regola è quella di indebolire l’avversario, la Juve in questo caso farebbe il gioco al contrario. E non mi sembra possibile. Magari più probabile una cessione all’estero, uno scambio con Morata tra Chelsea e Juve qualora Sarri, grande estimatore di Higuain, dovesse approdare nella società inglese. Siccome ci risulta però molto difficile il passaggio di Maurizio all’ex società di Conte (nonostante le raccomandazioni di Guardiola), la cosa più probabile potrebbe essere che l’argentino finisca per restare alla Juve nonostante qualche screzio con Allegri, soprattutto dopo la panca nella finale di coppa Italia.

di Luciano Moggi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • levantino

    07 Giugno 2018 - 17:05

    Non vedevo come mai non avesse messo becco il buon Moggi. Una cosa non ha valutato in questo scambio, Un 25enne contro un 31enne. Ci guadagnerà solo la Nara? Mah! E la Juve,e l'Inter sopratutto?

    Report

    Rispondi

media