Cerca

Fiorentina

Davide Astori, la perizia: "Non è morto nel sonno. Come poteva salvarsi"

8 Giugno 2018

0
Davide Astori

Davide Astori, il capitano della Fiorentina scomparso il 4 marzo scorso in un hotel a Udine, non sarebbe morto nel sonno come si era ipotizzato finora. Lo riporta il Corriere della Sera sulla base della perizia effettuata dai professori Carlo Moreschi e Gaetano Thiene, incaricati dal pm Barbara Loffredo. I risultati infatti parlano di tachiaritmia, di una accelerazione improvvisa dei battiti, tesi opposta rispetto a quella iniziale, ovvero che il calciatore fosse morto per bradiaritmia, con il cuore che avesse rallentato pian piano fino a fermarsi. 

Secondo i periti Astori, che quella mattina era stato trovato esanime a letto, non sarebbe morto nel sonno e forse si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l’allarme. "Non posso anticipare nulla - ha dichiarato il procuratore di Udine Antonio De Nicolo, come riporta il Corriere -. Posso solo dire che sul caso è aperto un fascicolo a carico di ignoti. La collega sta studiando il documento. Non appena il lavoro sarà terminato decideremo se proseguire l’indagine o chiedere l’archiviazione".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media