Cerca

Che fine ha fatto il condottiero?

Conte non crede più allo scudetto: "Quest'anno sarà dura, dobbiamo dare il 110 per cento"

Dopo la brutta sconfitta contro la Fiorentina, il mister sembra alla resa. Un profilo basso che stona con chi è sempre stato battagliero

Conte non crede più allo scudetto: "Quest'anno sarà dura, dobbiamo dare il 110 per cento"

La resa di Antonio Conte. Ancora più del rocambolesco 4 a 2 dell'Artemio Franchi (dove la Juve ha dilapidato in venti minuti un'ora di predominio e due gol di vantaggio), colpisce l'arrendevolezza del mister bianconero. Uno che, fino ad oggi, ci ha abituato al vigore del mediano battagliero (che era) e al cipiglio del condottiero. "Sarà molto dura per noi quest'anno - ha detto il tecnico salentino nel dopo partita - ci sono squadre molto attrezzate e il livello è competitivo". Conte pensa alla Fiorentina che lo ha appena steso, ma anche alla Roma dei record (a punteggio pieno dopo otto partite), al Napoli che si conferma anche quest'anno squadra di vertice, all'Inter, rediviva anche se claudicante, di Walter Mazzarri. Cinque squadre per i primi tre posti: Conte non lo dice, ma vede lo scudetto a rischio.Ma fosse solo il titolo nazionale il problema. C'è un ridimensionamento generale. Perché la Juve vinca, sostiene il tecnico, "bisogna dare sempre il massimo, il 110 per cento". Ok che il mister ha sempre fatto dell'agonismo la sua cifra stilistsitca, ma qui siamo di fronte a un appello in stile grande provinciale. Insomma, il cuore oltre l'ostacolo per una squadra che per due anni ha dominato il campionato italiano. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GMTubini

    22 Ottobre 2013 - 15:03

    Fare il gesto della "mitraglia" che fu di Batistuta dopo aver segnato sotto la curva Fiesole è stata una stupida smargiassata fatta per tenere a bada la paura di perdere che poi si è vista tutta nei quattro gol presi in un quarto d'ora. Un allenatore con le palle sotto, invece del toupet sopra, avrebbe tolti i due cialtroni, o almeno costretti a chiedere scusa a Firenze tra il primo e il secondo tempo. Sì perché è inutile cianciare di "razzismo territoriale" quando ai calciatori sono permesse certe vergognose provocazioni atte a scatenare reazioni violente sugli spalti.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    21 Ottobre 2013 - 23:11

    Molla, non far saltare lo spogliatoio.

    Report

    Rispondi

  • secondotentedi

    21 Ottobre 2013 - 22:10

    non confondetelo però con la pulce..., messi, corre come un siluro a 90 allora, a 100 gioisce e fa gol, sono un fan di tutte le star del calcio, vale più un messi che 100 conti, o conte che dir si voglia, comunque chapò, per i due scudetti, e forza anche juve, lo sport è rosa 5 anni ancora alla juve e facesse 4 scudetti, ciao, grazie.

    Report

    Rispondi

  • sgnacalapata

    21 Ottobre 2013 - 15:03

    questa volta gli è andata male!

    Report

    Rispondi

blog