Cerca

Cannavaro, caso chiuso

"Ma quanto mi girano..."

Cannavaro, caso chiuso
Caso chiuso. La ‘puntura dell’ape’ a Fabio Cannavaro è stata archiviata. Il Tribunale nazionale ha messo un sigillo sul caso del difensore juventino, come da richiesta del capo della procura antidoping del Coni, Ettore Torri. Il capitano della Nazionale era risultato positivo al cortisone ad un test, dopo avere presentato alla vigilia di Roma-Juve una richiesta di esenzione per emergenza (era stato punto da una vespa) incompleta nella documentazione. "Mi girano i co…ni”, commenta il Cannavaro furioso, “e se non avete capito bene ribadisco, mi girano i.... Io ho la coscienza a posto - ha detto Cannavaro dal ritiro di Coverciano - Uno viene punto da un'ape e si ritrova sul giornale come se fosse un dopato. Quando è successo mi sembrava di sognare. Qualche giornale e qualche televisione hanno esagerato. È la seconda volta che mi ritrovo gratuitamente sui giornali le storie del genere". Il riferimento è al filmato con le flebo degli anni al Parma uscito nel 2005. "Quella volta feci una cazzata a farmi filmare, anche se la sostanza tuttora non è proibita. Questa volta la cazzata della Juve c'é stata, ma mi è sembrato tutto esagerato. Spero che questo dubbio non mi segua oltre oggi, la mia carriera è stata esemplare e all'insegna delle regola". Il recente procedimento nei confronti del difensore della Vecchia Signora era stato infatti aperto per un difetto di comunicazione tra il club bianconero e l’antidoping.

Il capitano azzurro, dopo avere saltato la partita di sabato scorso in Irlanda (2-2) nelle qualificazioni ai Mondiali 2010, sarà in campo mercoledì contro Cipro a Parma in un match ormai ininfluente con l’Italia già in Sudafrica.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog