Cerca

Mondiali Sudafrica 2010

L'Italia debutta col Paraguay

Mondiali Sudafrica 2010

Paraguay, Nuova Zelanda e Slovacchia: sono queste le prime squadre contro cui si scontrerà la nazionale italiana durante i Mondiali 2010 in Sudafrica. I quattro team sono stati inseriti nel gruppo F. Partita d'esordio per gli azzurri a Città del Capo, il 14 giugno, contro il Paraguay. Poi affronterà (il 20 giugno) la Nuova Zelanda. Infine la partita con la Slovacchia. Sulla carta (come si dice sempre in questi casi, a scanso di sorprese) un girone facile e ampiamente abbordabile per i campioni del mondo di Marcello Lippi.

Sono stati effettuati, al Centro congressi di Città del Capo, i sorteggi dei gironi dei Mondiali di calcio del 2010. Le 32 squadre che parteciperanno alla rassegna iridata sono suddivise in quattro fasce. L'Italia, campione del mondo in carica, rientra tra le teste di serie e sarà dunque inserita nell'urna 1 assieme a Sudafrica (paese ospitante), Brasile, Spagna, Olanda, Germania, Argentina e Inghilterra. Nell'urna 2 saranno invece le quattro nazionali di Asia, le tre del nord e del centro America e la nazionale dell’Oceania. Nell’urna  3 le rimanenti cinque nazionali africane e le tre sudamericane, e infine nell'urna 4 le restanti otto nazionali europee.

GRUPPO ASudafrica, Messico, Uruguay, Francia

GRUPPO BArgentina, Nigeria, Corea del Sud, Grecia

GRUPPO CInghilterra, Stati Uniti, Algeria, Slovenia

GRUPPO DGermania, Australia, Ghana, Serbia

GRUPPO EOlanda, Giappone, Camerun, Danimarca

GRUPPO FItalia, Paraguay, Nuova Zelanda, Slovacchia

GRUPPO GBrasile, Corea del Nord, Costa d’Avorio, Portogallo

GRUPPO HSpagna, Honduras, Cile, Svizzera



Il video messaggio di Mandela - "Lo sport ha il potere di ispirare e unire la gente. In Africa, il calcio gode di grande popolarità ed ha un posto speciale nel cuore delle persone. Ecco perché è importante che i Mondiali, per la prima volta, si svolgano nel continente africano nel 2010. Ci sentiamo privilegiati, il Sudafrica ha ottenuto quest'onore speciale di essere il paese africano ad ospitare la World Cup - ha detto spiegato Nelson Mandela, ex presidente del Sudafrica in un messaggio video - Dobbiamo puntare all'eccellenza con i Mondiali che ospitiamo e, allo stesso tempo, dobbiamo assicurarci che lasceremo un'eredità tangibile e duratura alla nostra gente. Il popolo del Sudafrica ha imparato la lezione della pazienza e della resistenza nella sua lunga battaglia per la libertà. La ricompensa dei Mondiali dimostri che l'attesa è stata giustificata. Ke Nako! È arrivato il momento".

Abete riconsegna la coppa - Il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, ha riconsegnato la Coppa del mondo, vinta dall'Italia in Germania nel 2006. Ma non demorde e dice: "Vogliamo riprendere la coppa".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    05 Dicembre 2009 - 13:01

    Sulla carta l'esito delle urne sembra favorevole all'Italia pallonara. Solo, però, alla grande soddisfazione della stampa sportiva e non manca, more solito,la memoria storica. Ovvero l'eliminazione dell'Italia avvenuta, tanto per ricordare, con la Svizzera nel 54, con il Cile nel 62, con la Corea del Nord nel 66. Date nelle quali i giocatori di allora erano molto più bravi degli attuali, anche se,adesso, tanti sono campioni del mondo uscenti, per tanta, tanta fortuna. Addirittura perfino l'Australia aveva giocato meglio di noi e il rigore non c'era. Quindi andiamo cauti con l'entusiasmo. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog