Cerca

Mondiali, Lippi ha paura dell'altitudine

"Quello che mi preoccupa del Sudafrica non sono le strutture, ma l'altitudine"

Mondiali, Lippi ha paura dell'altitudine
Mancano pochi mesi ai Mondiali di calcio e Marcello Lippi ha individuato una nuova insidia per l’Italia che andrà in Sudafrica: l’altitudine. "Quello che mi preoccupa del Sudafrica non sono le strutture, che ritengo perfette come l’organizzazione, ma l’altitudine", ha detto Lippi.  "La nota positiva – aggiunge – è che finalmente si giocherà in orari normali".

All’appuntamento Fifa era presente anche il Ct dell’Inghilterra, Fabio Capello. "Con Fabio abbiamo scherzato su una probabile finale Italia-Inghilterra", rivela Lippi, che ha poi confermato di non avere ancora in mente l’elenco definitivo degli azzurri che partiranno per il Sudafrica. "In questo momento penso solo a completare la costruzione di questo gruppo – spiega il Ct della Nazionale – seguo il recupero dei vari giocatori infortunati e tengo d’occhio un’ampia rosa di candidati che potranno integrarlo, manca ancora tempo per la lista definitiva". Lippi non è preoccupato dalla crescente attesa causata dall’avvicinamento dell’appuntamento mondiale. "Sono concentrato su questo evento- ha concluso Lippi -. La pressione c’è, è inevitabile; in Italia c’è sempre quando si tratta di appuntamenti del genere e non solo perchè siamo campioni del Mondo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aquila azzurra

    24 Febbraio 2010 - 12:12

    L'unica cosa alta è l'età delle mummie appartenenti per il gioco del calcio alla preistoria ,lasci perdere questi astrusi ragionamenti e si dedichi a mandare in campo una nazionale di giovani talenti che scalpitano nel nostro campionato e meritano sicuramente la maglia azzurra. Forse che il ct non conosce la storia del nostro calcio e non sa che a mexicocity nel 1970 la nostra nazionale disputò forse il più bel campionato del mondo nonostante l'altitudine di 2300 mt. slm?

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    24 Febbraio 2010 - 09:09

    meno male che Lippi, dopo alcuni anni si è accorto che si giocherà in altitudine in Sudafrica! Lo hanno portato su una montagna e gli han fatto vedere il panorama oppure ha capito da solo? si rimane stupiti dall'attenzione nei confronti di un uomo che sino a maggio non avrebbe nulla da dire ma si dovrebbe concentrare sul suo lavoro; escluso sanremo, viene d pensare che si annoi. Detto questo, e focalizzato il problema altitudine che necessita di fisico, capacità di resistenza....vien da pensar, vista l'età media dei giocatori (Camoranesi, forse Totti, forse Del Piero, Toni, Cannavaro, Grosso per citare il reparto geriatrico più famoso) che Lippi pensasse che il suo girone si giocasse a Lucca e poi le fasi finali in Sudafrica. Quanto tempo dovrà passare prima che qualcuno gli sappia indicare le strategie di intervento sui media' Auguri alla nazionale

    Report

    Rispondi

blog