Cerca

Porsche 911 Targa

E' tornato il mito

Porsche 911 Targa

Tra il 1958 e il 1973 si è imposta per ben 11 volte nella mai dimenticata competizione che aveva luogo in Sicilia, la Targa Florio. E a quelle fughe per le strade delle Madonie deve proprio il suo nome, Porsche 911 Targa. L’hanno pilotata artisti del volante come Graham Hill e Vic Elford, tenendo testa a Ferrari e Alfa Romeo. Un mito che non è mai tramontato e che è tornato in tutto il suo splendore con i modelli Targa 4 e Targa 4S.
Non c’è più il tettuccio da smontare, ma un pratico tetto in vetro scorrevole che si muove premendo un semplice pulsante. Il vano bagaglio è di 230 litri, 25 in più rispetto alla versione coupé della 911 Carrera. Il cofano frontale è più dinamico e le prese d’aria maggiorate. I fari sono di serie allo bixeno con tecnologia a Led e, su richiesta, si può ottenere la luce dinamica, capace di seguire in curva i movimenti del volante e si adatta alla velocità della guida.
Come accade per la 911 Carrera, è stata adottata l’iniezione diretta della benzina, che aumenta la potenza fino all’85%. La Targa 4 ha 345 cv e la 4S ne ha 385. Le velocità massime salgono così a 284 km/h per la Targa 4 e a 297 km/h per la Targa 4S.
Altra novità è il nuovo cambio automatico, il Porsche-Doppelkupplungsgtrebe (Pdk) a sette marce. L’utilizzo della pelle di serie di ottima qualità si abbina perfettamente con i sedili sportivi. Nella versione più aggressiva, la 4S, il volante è ancora più sportivo. Il Porsche Traction Management (Ptm) sostituisce il precedente sistema di trazione integrale.
Tutto questo, oltre all’emozione di averla in mano, costa 99.600 euro per la versione Targa 4 e 110.700 per la 4S.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog