Cerca

Balotelli ancora fuori

L'attaccante neroazzuro non giocherà contro il Cska Mosca

Balotelli ancora fuori
Mario Balotelli non è stato convocato da Josè Mourinho per l'andata dei quarti di Champions League che domani l'Inter giocherà contro il Cska Mosca. La quinta esclusione di fila dell'attaccante, la sesta considerando quella per un problema al ginocchio, è stata confermata dalla società prima della conferenza stampa di Josè Mourinho.

Etòo: "Non ci mancherà" -
"Per quanto riguarda Balotelli i giornalisti devono capire che il gruppo è al di sopra di ogni giocatore, lui è uno di noi e lo apprezzo tantissimo come gli altri compagni, ma in questa situazione noi oggi dobbiamo pensare al gruppo e al rendimento della squadra. Mario sa cosa deve fare per integrarsi nel gruppo e continuare a giocare con noi. Domani non ci mancherà", così Samuel Etòo commenta, in occasione della conferenza di presentazione della gara di Champions Inter-Cska Mosca, la sesta esclusione dai convocati da parte del tecnico dell'Inter, Josè Mourinho, del compagno di squadra e di reparto Mario Balotelli. "Io ho dieci anni più di lui ed una bella esperienza, ma all'Inter ci sono anche Zanetti, Materazzi, Toldo e anche Baresi che ci parlano ed hanno l'età per dargli dei consigli. Mario sa cosa deve fare, ma bisogna interrompere queste polemiche".

Mourinho no comment - Secco il commento di Mourinho in conferenza stampa: "Non parlo di giocatori non convocati". Il tecnico ha invece parlato della sfida contro il Cska ("Non penso che l'Inter sia favorita, come non penso che lo sia il Cska. Sarà una partita difficile e prevedo che non sarà neanche spettacolare") lanciando un'accusa assai poco velata alla squadra russa: "C'è qualcosina di grigio nel cammino del Cska in Champions: se vanno due giocatori al controllo antidoping e gli trovano sostanza non permessa in Champions League c'è qualcosina di grigio", ha osservato riferendosi ad Aleksei Berezutski e Sergei Ignashevich, due giocatori del Cska che all'andata contro il Manchester, il 3 novembre, sono stati trovati positivi al test antidoping e squalificati per una giornata. Il tecnico ha invece espresso soddisfazione per la sua squadra: "L'Inter sta facendo una grande Champions. Abbiamo giocato 8 partite, 4 di queste le abbiamo disputate contro Barcellona e Chelsea, 2 delle migliori squadre del mondo. Questa è la miglior Champions dell'Inter negli ultimi anni, vogliamo andare avanti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • inm

    31 Marzo 2010 - 20:08

    appartango ad una generazione dove il professionismo era "misurato" sul campo, a suon di impegno e di buone prestazioni. Adesso non è più così. Basta andare a vedere le partite del Milan o accettare la maglia rossonera (per stare al gioco del simpatico Staffelli) ed è quanto basta per essere tacciato come...una mela "non in salute". E' stato un bene, dunque, aver scoperto solo molti anni dopo che Paolo Maldini avesse in gioventù il vizietto di appendere i poster di Cabrini nella sua cameretta. Balotelli, invece, non gioca.

    Report

    Rispondi

  • p.giorgio

    31 Marzo 2010 - 12:12

    Povero (non in banca) Balotelli, ne state facendo un caso nazionale. Ormai la sua figura è fissa su giornali ed internet. Poichè la sua situazione riguarda il suo rapporto con la squadra e la società Inter, per favore lasciatelo e LASCIATECI in pace. Grazie.

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    31 Marzo 2010 - 10:10

    media, tifosi avversari, commentatori di mezza tacca stanno speculando sul caso balotelli per rovesciare sui nerazzurri tutto il livore accumulato negli anni dei 4 scudetti e negli ultimi tempi stanno aumentando la pressione per cercare di incidere sull'esito del campionato. Finora tutti sembravano scaricare sul"ragazzo" accuse di martirio , oggi tutti sono diventati protettori di un ragazzo giovane che , anche se milionario, avrebbe il diritto di fregarsene della società , dei compagni, dei tecnici, mandando tutti a quel paese senza neppure sentirsi in dovere di scusarsi. Qui non è solo questione di calcio , ma di rispetto verso chi ti ha messo in condizione di salire alla ribalta,di educazione nei confronti di chi cerca di innalzare il tuo livello umano e professionale. Se sei d'accordo , bene; se non lo sei , scusati , guadagnati il tuo lauto stipendio ,esponi le tue idee, chiedi la cessione a fine stagione: ne guadagnerai di prestigio e considerazione, così si diventa uomini :

    Report

    Rispondi

blog