Cerca

Ammenda di 20 mila euro per Totti

Dopo le polemiche per il gesto del pollice verso ai laziali

Ammenda di 20 mila euro per Totti

Dovrà pagare un’ammenda di 20 mila euro il capitano della Roma, Francesco Totti, che durante il derby di domenica si era lasciato andare a un gesto condannato dal giudice sportivo. In particolare, il gesto del “pollice verso” rivolto verso la tifoseria avversaria è stato condannato dal giudice sportivo Gianpaolo Tosel con questa motivazione: «Per avere, al termine della gara, rivolgendosi al settore occupato dai propri sostenitori (Curva Sud), alzato ripetutamente le mani con i pollici rivolti verso il basso, indirizzando in tal modo ai calciatori ed ai tifosi avversari un gesto platealmente provocatorio; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale».

Le parole di Totti - Dalle pagine del Corriere dello Sport il capitano giallorosso firma un articolo in cui spiega che la sua esultanza «è stata solo quella di riprendere la coreografia della curva sud, che indicava il pollice verso», «un gesto d'intesa con i miei tifosi per la partita vinta», senza alcun intento «offensivo verso i laziali e verso i calciatori della Lazio stessa».
Del resto, secondo Totti, è significativo che Paolo Di Canio, «che fa parte della storia del derby», abbia capito il senso di quel gesto, «tanto da aver ammesso di aver esultato in modo ben più pesante rispetto a me». «Qualcuno in campo mi può aver detto che sono finito o può avermi insultato e questo è avvenuto - scrive ancora Totti - ma fa parte dello sviluppo di una gara di calcio e per me quando è finita, è finito tutto». «Il derby è così, piaccia o no: vive di sfottò. A volte anche di offese pesanti, come alcuni striscioni esposti durante domenica e in altri precedenti. Ad esempio Totti come Rocca, offese verso la mia famiglia, oppure Vanigli santo. E mi risulta che i calciatori della Lazio avessero pronte magliette celebrative con la scritta “scudetto game over”. Ma io di questo non mi offendo e non mi offenderò mai».

Il commento di Ranieri - «Il gesto di Totti? Capisco che i primattori sono quelli che entrano nelle case di tutti, ma gli sfottò nel derby ci sono sempre stati, soprattutto in quello romano». Così si esprime Claudio Ranieri sulle polemiche seguite al pollice verso rivolto da Francesco Totti ai tifosi giallorossi per festeggiare la vittoria sulla Lazio.
«Ho sentito parecchie voci e mi è piaciuta quella di Di Canio, che fece un altro tipo di gesto», dice Ranieri nella conferenza stampa alla vigilia della semifinale di ritorno di coppa Italia contro l'Udinese. «Se avessero vinto i laziali e avessero mostrato una maglietta con su scritto: “Scudetto game over”? Tutto fa parte dello spettacolo - osserva Ranieri - Francesco ha chiesto scusa e ora finiamola qui, almeno a Roma. È stata una bella partita, un derby vibrante pieno di pathos anche se forse non bello, ma io resto con questa immagine. La violenza c'è stata anche prima della partita senza nessun gesto, non attacchiamoci a queste cose», dice Ranieri. «Sono violenti, si danno appuntamento...aprissero il Circo Massimo o il Colosseo così si danno appuntamento là. Parliamo di stadi, ma se non cambiamo noi come società non cambierà nulla», conclude Ranieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Gosseyn

    23 Aprile 2010 - 15:03

    Premetto che il calcio lo guardo Però da sempre e in quest'ultima settimana , se ne sono viste di tutti i colori, maxi risse a fine Derby a Roma con dirigenti coinvolti........Giocatori che gettano la maglia e si insultano con il pubblico............accoltellati , tifosi Ultra che dagli ospedali vengono intervistati dalla Gazzetta dello sport e che dicono che torneranno allo stadio Olimpico dove gli accoltellamenti sono una cosa normale, intervista pubblicata dal Giornalone rosa che vuole essere la bibbia dello sport , poi confina lo sport quello vero vedi campionato di hockey nel Ghetto di tutto notizie! In tutto questo clima tutti si assolvono Totti gesto innocente era nel derby Balottelli un ragazzo immaturo , la rissa tra dirigenti a Roma e Lazio fa parte da stimgatizzare ma fa parte del clima derby e cosi via dicendo............ Tutto questo pero contrasta con i regolamenti del CONI che dicono che i dirigenti il servizio d'ordine delle società in pratica coloro che da noi hanno cartellino e tessera gara devono tenere la situazione sotto controllo ed evitare la violenza..........pena squalifiche, che i giocatori in pista anche finita la partita devono lasciare il campo con il rispetto di tutti. Alla Faccia. In più sento lo stupidario dei Media dove la violenza e nella società e il calcio non c'entra ….un film già visto........ Ora non sarebbe meglio da parte della TV anche la RAI spegnere i riflettori su questo susseguirsi di maleducazione e teppismo , con insulti risse , e seggiolini che brciano(sarebbe ora che gli autori di tutto questo pagassero) e dare in TV lo sport vero quello giocato a partire perchè no anche dalla finale di Euro lega di Hockey di Valdagno di fine Maggio. Non solo su Rai Sat Piu ma anche in analogico! Come altri avvenimenti sportivi! Cosi anche dai nostri media nazionali , agli avvenimenti si sport giocato, preferiscono una intervista ad un Ultrà ad un avvenimento sportivo! Scusaste lo sfogo! Saluti Grossi Enrico Suzzara (MN) Dirigente Hockey Pista Ps la Rai molti anni fa quando ci fu un morto per una steccata nell'hockey su Ghiaccio apri il TG2 con un titolo HOCKEY KILLER ….........Ma il calcio VIOLENTO DI OGGI!

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    21 Aprile 2010 - 17:05

    che il pupone faccia beneficenza a iosa ed in silenzio, nessuno lo sta mettendo in dubbio; questo non ti protegge da critiche se ti comporti da cretino o bulletto di periferia ( in sicilia userebbero un termine diverso ma non posso per decenza); se da campione quale è stato sino ad un paio di stagioni fa, si fosse visto fare un gesto simile se la sarebbe presa alla grande. Non dimentichiamo che il vizietto di sfotticchiare a destra e manca, salvo poi scusarsi, quando si è visto fare il rimbrotto mediatico, lo ha sempre avuto......quindi di che stiamo a parlare? ha sbagliato e basta.......

    Report

    Rispondi

  • dado1965

    21 Aprile 2010 - 09:09

    L'invidia è una brutta cosa ............. la fama, una bella famiglia, una bella moglie e una intera città pazza d'amore non è da tutti !!!!!! Se volete vi faccio l'elenco delle strutture ospedaliere, delle associazioni bisognose, degli istituti religiosi, ecc.... a cui il maleducato Pupone elargisce in silenzio sostanziosi aiuti. Lui non si tira mai indietro e voi ? Fate pena !!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    21 Aprile 2010 - 08:08

    cosa vuoi raccogliere? a 'altra parte se non fosse talmente sicuro e copreto con il nuovo contratto da 10 milioni anno sarebbe molto più aggressivo. Sta rischiando di vincere uno scudetto per il quale si fregerà per interposta persona vista la sua partecipazione di questo anno.....NULLA! Detto questo 20.000 euro per un bulletto di periferia che gioca ormai da fermo come il Ronaldo del Milan, sono briciole.......squalificarlo non gli avrebbe fatto che piacere, una cosa che lo colpirebbe realmente sarebbe la non convocazione ai mondiali, che spero comunque non gli venga data a prescindere. Abbiamo gia tanti cadaveri ambulanti che una persona in più in gita premio non lo apprezzerei particolarmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog