Cerca

Ranieri. "Non sono come lui". Mou: sì, io vinco!

Il tecnico romano torna sulle dichiarazioni dello Special One che risponde via Internet

Ranieri. "Non sono come lui". Mou: sì, io vinco!
Continua il duello a distanza tra la Roma e l'Inter. Questa volta il "turno di battuta" è affidato al tecnico giallorosso Claudio Ranieri che, nella conferenza stampa di presentazione della gara contro il Cagliari, è stato ovviamente chiamato a esprimere il suo parere sulle dichiarazioni di Mourinho, il deferimento del collega interista e il caso Totti.
"Io sono diverso da Mourinho. Le sue sono bombe ad orologeria. Troppo facile sentirsi gruppo dando l'impressione di essere attaccati da tutto e da tutti". "E' proprio questo il calcio che a me non piace. Si sta cambiando troppo in Italia. Non so dove arriveremo continuando così. A me piace vincere in un altro modo: mi piace il rispetto e do rispetto. Perché lo sport è un veicolo importante per la società italiana e per la positività che dovrebbe esserci. Sono un uomo di calcio, a cui piace parlare di calcio. Lo sport deve essere questo".
E totti?
"Francesco ha perso la testa ma ha avuto subito il coraggio di ammetterlo, cosa non da tutti. Egoisticamente sono contento di lui".
Chiusura sulla lotta scudetto, per cui la Roma non ha ancora intenzione di alzare bandiera bianca.
"Le motivazioni ci sono. Abbiamo fatto un percorso stupendo. Quando sono arrivato sapevo che dovevo lavorare tanto. Con positività e con senso di lealtà siamo arrivati a giocarci lo scudetto e la Coppa Italia contro una super-squadra. Adesso il nostro pubblico ci chiede di non mollare e noi non molleremo. Dobbiamo continuare a far sognare i nostri tifosi, siamo procacciatori di sogni".

VELENO MOU - E stavolta non è servita nemmeno la stampa a Mourinho per replicare. Sul sito Internet della società, infatti, lo Special One non le ha certo mandate a dire al rivale giallorosso. In sintesi, sì siamo diversi: io vinco.
"Non è certo colpa mia se, nel 2004, dopo essere arrivato al Chelsea e aver chiesto perchè stavano cambiando Ranieri, mi hanno risposto che volevano vincere".
E le cose non sembrano essere cambiate.
"Io non sono un fenomeno, ma lavoro tanto per aiutare la mia squadra, analizzando i punti deboli delle squadre che andiamo ad affrontare. Ho sentito parlare di motivazione dei giocatori. Premesso che la Roma mercoledì sera avrebbe dovuto terminare la partita in sei, visto e considerato che Mexes, Totti, Perrotta, Taddei e Burdisso hanno fatto il necessario per meritare le sanzioni che non gli avrebbero permesso di restare più tempo in campo, la motivazione la si costruisce tutti i giorni con il lavoro del gruppo, allenamento
dopo allenamento. Non si fa certo facendo vedere un film alla squadra prima di una finale di coppa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emilioq

    10 Maggio 2010 - 07:07

    Il tanto osannato capitano della Roma si è rivelato con il calcio a Balotelli per quello che è veramente: un cafone ignorante che sa solo giocare! E meno male che lo chiamano sport!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    09 Maggio 2010 - 21:09

    lo special one dovrebbe dimostrare qualcosa anche in provincia,no dove non si bada a spese.. e bello giocare facile.... Poi la lezione allo special one glie la data Ancellotti,vincere il campionato inglese dove ha fallito lo special one (se no non lo licenziavano) senza fare campagna accqusti !!!

    Report

    Rispondi

  • mallmfp

    09 Maggio 2010 - 13:01

    Rappresentante dell'UNICEF da un calcio ad un nero di 19 anni. Appena in casa esce uno spot con totti cambio canale così i miei tre figli non lo vedono. Io lo farei purgare per qualche stagione. Vi ricordate la lezione a Zidane. Totti deve andare via dal calcio. La parola scusa è la madre di tutte le neffandezze e di tutti i soprusi. Facile prevaricare e poi chiedere scusa come se il perdono a Roma fosse dietro l'angolo pronto a lenire ogni cattiva educazione alla faccia di chi invece si sente prevaricato. Non sono Interista, ma auguro all'INTER ogni bene ed ogni fortuna. Credo che abbiano fatto già il 50% ora la rimanenza la deve fare la fortuna. GO INTER GO!!!!

    Report

    Rispondi

  • maurizio52

    09 Maggio 2010 - 12:12

    ma cosa parlate voi interisti siete i più ladri di tutti .é vero quello che dice Toni , ma se c'è una giustizia divina perderete la coppa ,Ho gia organizzato una camminata votiva La vostra fortuna è iniziata distruggendo le altre squadre,per poi scoprire che siete peggio degli altri VERGOGNA,Vi meritate un allenatore coglione e maleducato ,incapace,antipatico come Mourinio Perchè non va ad allenare il catania e vediamo cosa sa fare

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog