Cerca

Scudetto 2006, la Juventus chiede la revoca

Il Cda bianconero presenta un esposto alla Federcalcio: "Le regole valgono per tutti"

Scudetto 2006, la Juventus chiede la revoca
La Juventus chiede la revoca dello scudetto 2005-2006. Come annunciato nei giorni scorsi, è stato presentato un esposto alla Federcalcio, "in coerenza con quanto abbiamo sempre sostenuto, e cioè che le regole valgono per tutti". Il cda della società bianconera ha, infatti, deliberato di inviare ai presidenti di Coni e Figc, alla Procura federale e al Procuratore Federale Capo la richiesta di revoca.

La premessa del documento è che "il movimento sportivo si basi e si fondi sulla lealtà tra - e nei confronti de - gli affiliati, nonché sulla equità e parità di trattamento". Nell’esposto si fa poi riferimento alle novità emerse nel procedimento penale in corso a Napoli, che rivelano "l'esistenza di una fitta rete di contatti tra esponenti della società beneficiata dell’assegnazione a tavolino dello scudetto 2005-2006 e tesserati del settore arbitrale. Tali contatti rappresentano, secondo i criteri adottati dalla Procura Federale nel giudizio a carico della Juventus, la violazione dei principi di lealtà, probità e correttezza sanciti dall’articolo 1 del Codice di Giustizia sportiva. E' convinzione della Juventus, pertanto, che venga meno il presupposto della decisione assunta dal Commissario Straordinario della Federcalcio nel 2006: l'inesistenza cioè di comportamenti poco limpidì addebitabili alla squadra che risultò prima classificata dopo la penalizzazione delle altre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amicidisiena

    11 Maggio 2010 - 13:01

    Le regole devono valere per tutti..... anche se siamo in Italia è spesso nn è così...

    Report

    Rispondi

  • aquila azzurra

    11 Maggio 2010 - 12:12

    dice:"Chi perde i buoi, dopo va cercando le corna" Dopo aver cambiato allenatori buoni per mezze tacche, dopo aver speso un bel gruzzoletto di milioni per falsi d'autore e dopo aver disputato 3 campionati con relative coppe da dimenticare.......che fare? Qualcosa pur bisogna dare in pasto ad una tifoseria delusa ed arrabbiata, ed allora si va a scavare in quella cassa che bisognerebbe sigillare e gettare nel mare più profondo : richiedere la revoca di uno scudetto di cartone allo avversario più ostico. Direbbe il grande totò" ma mi faccia il piacere!"

    Report

    Rispondi

  • amicidisiena

    11 Maggio 2010 - 09:09

    Il ragionamento degli interisti è questo: sicoome tante volte ci hanno fregato, lo scudetto del 2006 dev'essere nostro... anche i poveri diventano arroganti ogni tanto, e a Maggio si risvegliano anche gli asini... le ultime intercettazioni dimostrano che Moggi si muoveva in maniera aggressiva, Meani in maniera "contadinesca" e Facchetti con più stile, ma il principio di lealtà sportiva lo hanno violato tutti e le regole devono valere per tutti. L'inter vuole essere onesta a prescindere, nn dev'essere toccata.. ricordo che ci sono due telfonate di Facchetti a De Santis che da sole, independemtemente dal contenuto, basterebbero per condannarli alla B... vabbè vuol dire che si faranno anche qui leggi ad personam per preservare i nerazzurri... faraano il "LODO FIGC"....

    Report

    Rispondi

  • iuliusagricola

    10 Maggio 2010 - 21:09

    Dopo 4 anni di immobilità. la Juve torna la Juve. Era ora. E deve essere solo la prima di una lunga battaglia. In caso di resistenze longobarde. Deve partire il ricorso in ogni campo, civile, politico, penale. Basta con un'opinione sfacciatamente filointerista e romanista.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog