Cerca

Il non-tifoso picchiato e in carcere: "Qui senza motivo"/ Guarda il video

Parla Stefano Gugliotta, arrestato dopo Roma-Inter. Intanto la Polizia apre un'inchiesta

Il non-tifoso picchiato e in carcere: "Qui senza motivo"/ Guarda il video
"Sono in carcere da cinque giorni e non so perché". Nonostante la detenzione e il pestaggio subito dalla Polizia nel post-gara di Roma-Inter di Coppa Italia, Stefano Gugliotta non ha evidentemente perso il dono della sintesi e dell'efficacia delle parole.
Questo pomeriggio, infatti, il giovane romano fermato nei pressi dello stadio mercoledì 5 maggio ha parlato dall'interno del carcere di Regina Coeli con il senatore dell'Idv Stefano Pedica del suo arresto, frutto (almeno così sembrerebbe) di un clamoroso errore da parte degli agenti testimoniato anche da alcuni passanti, oltre che dai video amatoriali e delle telecamere di sorveglianza appostate nei pressi degli scontri. Guarda il video

 

"Mi è apparso in stato confusionale, continua a dire di non capire perchè da 5 giorni si trova in carcere, non riesce a dormire - ha affermato Pedica all'uscita dal carcere -. Il ragazzo presenta evidenti tumefazioni provocate da manganellate, alla schiena, a un'anca e a una coscia, ferite al naso e alla testa. Mi meraviglia che si stia in carcere senza apparente motivo, solo per aver reagito a una manganellata. La sua fortuna è stata quella che qualcuno ha filmato, e quel qualcuno è il figlio di una donna avvocato. Così la storia è uscita".
E le preoccupazioni per le condizioni del figlio sono ovviamente sottolineate anche dalla madre di Gugliotta, la quale si sta battendo da venerdì per ottenere almeno gli arresti domiciliari.
Tuttavia, nonostante le mobilitazioni dei Radicali e dei gruppi del PD nel Lazio, il ragazzo resta in carcere. Intanto lunedì il ministro degli Interni Maroni è stato invitato a riferire in Parlamento le modalità e lo stato di salute di Gugliotta e degli altri settearrestati dell'Olimpico.

Ci sono 14 persone pronte a testimoniare davanti al magistrato sul pestaggio subito mercoledì scorso da Gugliotta. Ad indicare le persone che possono testimoniare sulla gratuità del pestaggio subito è l'avvocato Cesare Piraino che ha assunto le difese di Gugliotta e che ha presentato alla  Procuradella Repubblica di Roma una istanza non solo per indicare i testimoni dei quali fornisce le generalità, ma per raccontare come sono avvenuti i fatti che hanno portato poi al pestaggio e all’arresto del giovane.

Intanto anche la Polizia di Roma muove i primi passi ed esce dall'ampasse in cui era caduta dopo la diffusione dei filmati dell'arresto. In serata, infatti, il capo della Polizia Antonio Manganelli ha disposto una rigorosa attività ispettiva sul caso.
"Dopo aver visionato le immagini diffuse dalle emittenti televisive - si legge in una nota - emerge l'esigenza di verificare con immediatezza la correttezza dell’operato delle forze di Polizia nel corso degli incidenti provocati nella Capitale da numerosi facinorosi al termine della partita Inter-Roma".
Tradotto:  delega per lo svolgimento delle indagini al questore di Roma e al responsabile dei Reparti mobili in seno al Dipartimento della Polizia, garantendo anche massima collaborazione alle autorità giudiziarie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    04 Giugno 2014 - 19:07

    La polizia di "stato non ha senso di esistere . Soldi sprecati ! Quello che' fanno loro lo potrebbero fare anche i metronotte !!

    Report

    Rispondi

  • astice2009

    11 Maggio 2010 - 08:08

    Ma in quale citta' vivi emilioq? Il ragazzo era uscito di casa DOPO la partita, NON ERA ANDATO allo stadio, si trovava in un posto LONTANO dallo stadio; aveva solo la sfortuna di avere un maglione rosso; era insieme ad un amico mentre i poliziotti - IN UN ALTRO LUOGO LONTANO, cercavano solo un ragazzo con il maglione rosso. Quando leggo i commenti come i tuoi spero sempre che la prossima violta capiti a tuo figlio.....

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    11 Maggio 2010 - 07:07

    Ogni guerra vuole le sue vittime perchè di guerra si tratta! Lo sport è tutt'altra cosa, materia sconosciuta a questa teppaglia !!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • antari

    10 Maggio 2010 - 20:08

    qualche poliziotto ha fatto un'altra cavolata. Puo' succedere, anche se non dovrebbe. Come e' noto, quello del poliziotto e' un mestiere difficile, quattro soldi per avere a che fare con la crema della feccia. Occorre rispettare quella gente. Certo, alcune volte sbagliano, e se se ne assumessero la responsabilita' io li rispetterei molto di piu'. Perche' molto spesso si nascondono dietro la scusa del 'dover fare', dell' 'ero stressato' etc, ed esagerano, esagerano, fanno proprio danni. danni che poi pretendono di non pagare, il che E' sbagliato.

    Report

    Rispondi

blog